Tarsi: i soldi pubblici dei cittadini siano investiti nel nostro territorio non in Emilia Romagna

14/07/2010 -

Dopo aver appreso che la Provincia di Pesaro e Urbino è interessata ad entrare con una quota nella società di gestione dell’aeroporto di Rimini, ho presentato una interrogazione in consiglio provinciale per conoscere le reali motivazioni che spingono il Presidente Ricci ad aver maggior interesse ad investire i soldi pubblici dei cittadini di questa Provincia in Emilia Romagna e non nell’Aeroporto di Fano.



Condivide forse l’idea di alcuni esponenti locali della Lega, che sognano nell’annessione della Provincia di Pesaro e Urbino nella vicina Romagna oppure è solo una questione politica? Si è appreso dalla stampa che, nella seduta del 6 luglio 2010, il consiglio di Amministrazione dell’Enac ha approvato il piano triennale 2010-2012 per gli investimenti finalizzati all’adeguamento e allo sviluppo degli aeroporti minori a gestione diretta dell’Ente ed ha previsto per l’Aeroporto di Fano, aperto al traffico di aviazione generale, l’intervento per una somma di 1.300.000 euro e tutto questo dopo che il consigliere Regionale Mirco Carloni, quando ancora era Assessore si interessò per ottenere contributi per lo sviluppo dell’Aeroporto di Fano.

Questa è un’opportunità per lo sviluppo turistico e industriale del nostro territorio che non possiamo permetterci di perdere visto che Comune di Fano, C.C.I.A.A. di Pesaro sono pronti ad intervenire con importanti contributi che serviranno a valorizzare il nostro aeroporto nella realizzazione di una pista in cemento e per migliorare il livello di sicurezza della struttura.

Lo sviluppo dell’Aeroporto di Fano ha un valore incalcolabile e rappresenta un investimento per il futuro del territorio ed è in questo contesto specifico che non possiamo permettere che la Provincia di Pesaro sia assente nella valorizzazione di uno strumento che possa far incrementare non solo il turismo, ma rilanci gli investimenti strutturali di tipo industriale dopo che importanti aziende soprattutto nel settore della nautica hanno scelto altre città anche per questioni logistiche.


da Mattia Tarsi
Consigliere Provinciale PDL



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-07-2010 alle 18:30 sul giornale del 15 luglio 2010 - 706 letture

In questo articolo si parla di politica, Mattia Tarsi, emilia romagna, denaro pubblico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adk


... Un investimento per il territorio. Non sarebbe male se ci dicesse anche PER CHI e PER COSA ? Gira e rigira siamo sempre lì: Pubblico (per tutti) o privato (per pochi... e a spese di tutti).<br />
Il resto... mancia.<br />

Paolo Tramannoni

Non mi sembra che si possa confondere un aeroporto per piccoli aerei da diporto come quello di Fano, con un aeroporto di linea come quello di Rimini. Visto che la provincia di PU si trova tra Rimini e Falconara, mi sembra un buon affare entrare anche nella stanza dei bottoni dell'aeroporto che fa arrivare turisti da nord (visto che per gli arrivi da sud ci pensa già la regione).<br />
<br />
Non vorrei che qualcuno sognasse di ingrandire l'aeroporto di Fano al punto di farlo diventare un aeroporto di linea: ci ritroveremmo con tre aeroporti simili a distanza di cinquanta chilometri l'uno dall'altro; con la Regione Marche costretta a farsi carico di un secondo aeroporto (quando tiene in vita con fatica il primo).<br />