Accorpamento ERSU Marche: una manovra a risparmio zero

facebook 23/07/2010 -

Si è costituito il gruppo Facebook “Salviamol’ErsudiUrbino” con l’obiettivo di far sentire la propria voce a chi, in Regione, sta tentando di imporre un nuovo centralismo a scapito dei territori in nome di una politica basata sul rigore finanziario. Negli ultimi giorni, la Giunta Regionale ha deciso di sopprimere i quattro ERSU degli ERSU di Ancona, Urbino, Camerino e Macerata.



Già nella passata legislatura si è discusso di questa questione, e come ripreso anche da un articolo apparso sulla stampa locale, due erano le soluzioni che si profilavano: 1) l'abolizione dei 4 Cda e dei Presidenti e la nomina di un amministratore delegato unico per controllare i 4 Ersu con un direttore locale; 2) l’istituzione della figura di un Presidente regionale cui affidare tutti e 4 gli Ersu. In sostanza, si voleva creare un’agenzia regionale unica mantenendo inalterato lo stato giuridico di tutti i dipendenti. Per il gruppo “Salviamol’ErsudiUrbino” la decisione presa nei giorni scorsi altro non è che un “modo gentile” di “tagliare” l’autonomia decisionale dei territori accentrando tutto su Ancona.

L’abolizione dei CdA non è una cosa da poco visti i compiti strategici che la stessa Legge Regionale ha loro affidato: essi, infatti, determinano le tariffe dei servizi, autorizzano le convenzioni e i contratti con le aziende, gli istituti di credito, gli enti, le società cooperative, i privati, deliberano sull’acquisto e l’alienazione di beni immobili, sulle accettazioni di donazioni, eredità e legati, adottano i provvedimenti inerenti l’organizzazione amministrativa e del personale dell’ente.

Ma non è finita: a parte i due membri nominati dalla Regione – uno è il Presidente – gli altri tre sono scelti rispettivamente tra i professori, gli studenti e gli amministratori locali, quindi provengono “dal basso”. Quali garanzie offrirebbe una gestione accentrata a un’Ersu come quello di Urbino, che è una realtà di circa 200 dipendenti che gestisce ben 4 collegi, 1 Casa dello Studente, 1 Casa della Studentessa e 1 Campus scientifico a Urbino e una residenza a Pesaro? Nessuna. Ciò che, però, irrita ancor di più il gruppo “Salviamol’ErsudiUrbino” è il fatto che il risparmio derivante dall’eliminazione dei consigli di amministrazione è minimo. Per l’esattezza: - Al Presidente di ogni CdA ERSU spetta un'indennità di carica mensile di € 800. -Al Vice Presidente spetta, invece, un'indennità di carica mensile di € 350. - Ai tre membri di ogni Cda, invece, spetta un gettone di presenza di € 51 a seduta. Se si considera che un CdA ERSU è composto da un Presidente, da un Vice Presidente e da altri 3 membri, e si riunisce una volta al mese, si scopre che ai marchigiani i 4 consigli di amministrazione costano ogni anno 62.544 euro totali, agli urbinati 15.636.

In altre parole: non si risolleva un bilancio regionale con tagli di questa entità! Qualcuno potrebbe obiettare: nella confinante Toscana è già nata l’azienda regionale unica per il diritto allo studio che sostituisce le aziende di Firenze e Siena Pisa, perché non dovrebbe farlo anche la Regione Marche? Bastano soltanto questi due dati per far riflettere: in Toscana i consiglieri di amministrazione erano complessivamente 27 e i revisori dei conti ben 9. Per la cronaca, ogni ERSU ha 1 solo revisore dei conti che percepisce un’indennità di carica mensile di € 26O! Che cosa sono questi numeri rispetto ai 10 milioni di euro che la Regione deve risparmiare, come dichiarato dall’Assessore al Bilancio Marcolini? “Il risparmio derivante dalla soppressione dei Cda Ersu è pari a quello di cui beneficerebbe quell’automobilista che partisse appositamente da Urbino per andare a fare il pieno a Pesaro perché laggiù c’è un distributore dove il carburante costa 6 centesimi in meno e tornasse indietro: ZERO. O nel migliore dei casi: ZERO VIRGOLA QUALCOSA” tuona provocatoriamente il gruppo “Salviamol’ErsudiUrbino”.


da Gruppo Facebook Salviamol’ErsudiUrbino




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2010 alle 19:04 sul giornale del 24 luglio 2010 - 1827 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, ersu, facebook, Gruppo Facebook Salviamol’ErsudiUrbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azq





logoEV