Ben Page e Pagnoncelli svelano la ricetta della felicità

ben page, matteo ricci, nando pagnoncelli, roberto bertinetti 2' di lettura 30/05/2011 -

Se la statistica è in grado di fornire chiavi di lettura capaci di decifrare la "dimensione della felicità", non potevano mancare al festival le analisi dei “guru” dei sondaggi Ben Page e Nando Pagnoncelli, fortemente voluti dal presidente della Provincia Matteo Ricci.



L’introduzione, a Palazzo Gradari, è del docente e giornalista Roberto Bertinetti, affiancato dal sindaco Luca Ceriscioli. Che sottolinea "l’interesse degli amministratori verso gli indirizzi e le idee che possono migliorare il dato della felicità pubblica".

Poi la scena è monopolizzata da Page, inserito tra i 100 uomini più influenti del mondo dal Guardian. Una relazione pungente, declinata con ironia: "I leader delle nazioni si domandano: “Ci concentriamo sul Pil, sulla qualità della vita o su entrambe le cose? Ci sono le prove: più si è ricchi e più si tende a essere felici. Ma c’è anche il paradosso di Easterlin: arrivati a un certo punto, con l’aumentare della ricchezza non necessariamente si diventa più felici!".

Cita David Cameron, la saggezza popolare, Adam Smith. E arriva alla certezza di quello che fa davvero felice le persone: "Fare giardinaggio, sposarsi, avere titoli di studio, coltivare la spiritualità, avere amici. I soldi? Importanti. Ma non sono tutto, specialmente a una certa età". Per Page "i Paesi più felici sono quelli che presentano maggiore equità, minore livello di disuguaglianze e minore corruzione. L’Italia compensa con la famiglia e con la rete di coesione e capitale sociale".

Poi Nando Pagnoncelli, Ceo di Ipsos Italia, fa la fotografia del Paese: "C’è uno strabismo tra la felicità individuale - riconducibile alla sfera della famiglia e degli affetti - e la percezione dei destini collettivi della penisola, su cui campeggia una percezione negativa. Un quadro cupo in senso generale, ma una felicità individuale dichiarata alta". Non solo: "La percezione è aggravata dalla mancata coincidenza tra agenda mediatica-politica e agenda dei cittadini".

Lo spaccato conclusivo: "Ci sono 4 fette di Italia – conclude Pagnoncelli - sintetizzate da altrettanti titoli di film. Per il 24 per cento degli italiani “Non ci resta che piangere”. Per il 27 per cento “ Io speriamo che me la cavo”. Per il 24 per cento siamo alla “Dolce vita”. Mentre per il 25 per cento ”La vita è bella”…". Bisogna ritrovare i valori, anche partendo dal senso civico.

Ceriscioli sfrutta l’assist: "E’ quello che cerchiamo di fare a Pesaro, nel nostro piccolo. Un esempio: con la ciclabile lungo il Foglia, è cambiato il valore che i cittadini attribuiscono al fiume. E adesso migliorare l’acqua sarà una responsabilità maggiormente sentita da tutti…" .








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2011 alle 18:48 sul giornale del 30 maggio 2011 - 558 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, matteo ricci, Provincia di Pesaro ed Urbino, luca ceriscioli, nando pagnoncelli, festival della felicità, ben page, roberto bertinetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ln6





logoEV