Riapre l'aula didattica nella Fortezza Albornoz

31/05/2011 -

Da sabato 4 giugno nella Fortezza Albornoz riapre l’aula didattica «Bella gerit» e sarà visitabile anche la sommità della costruzione difensiva.



L’aula è dedicata al ritrovamento dei reperti archeologici rinvenuti durante gli scavi di natura stratigrafica eseguiti dalla Soprintendenza Archeologica delle Marche (tra questi suppellettili dell'antico sito visionabile nella parte soprastante nella sua integrità architettonica), mentre un ulteriore spazio illustra la storia dell'equipaggiamento da guerra in uso tra il 1300 e il 1500 e oltre.

Gli spazi erano stati inaugurati nel 2010 era erano stati aperti, come previsto dalla convenzione, dalla primavera all’autunno dello scorso anno. Ora lo schema si ripete, e gli spazi saranno aperti fino al settembre 2011.

Sabato 4 e domenica 5 giugno l’apertura sarà dalle ore 9,30 alle ore 12,30 e il pomeriggio dalle ore 15,30 alle ore 19,30.
A decorrere dal 6 giugno e fino al 30 settembre 2011, la Fortezza alta sarà aperta nei giorni di venerdì, sabato e domenica con i seguenti orari: venerdì dalle ore 15,30 alle ore 19,30 / sabato e domenica dalle ore 9,30 alle ore 12,30 e dalle ore 15,30 alle ore 19,30.
Il costo del biglietto è di € 2,00. Per i residenti del Comune di Urbino l’ingresso è gratuito.

Nell’aula didattica ci sono armi originali provenienti dalla collezione della Galleria Nazionale delle Marche, curata dalla Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche, che privilegia le armi bianche offensive e quelle difensive.

Armi manesche corte e lunghe, armi da botta, elmi, parti di armature, scudi, difese per cavalcature, sia da combattimento sia da parata, in uso dal ‘400 per arrivare sino all’800 con armi da fuoco e pure con molti accessori e strumenti per la caccia, a mostrare quanto le armi fossero presenti nei secoli passati in ogni aspetto della vita quotidiana.

Gli spazi allestiti nella Fortezza Albornoz, danno l’opportunità al visitatore di poter scoprire e apprezzare anche l’ingegneria militare dell’epoca che ha contato tra i suoi più illustri esponenti, alla corte di Federico, l’architetto Francesco di Giorgio Martini.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-05-2011 alle 13:14 sul giornale del 01 giugno 2011 - 501 letture

In questo articolo si parla di urbino, politica, comune di urbino, fortezza albornoz

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ltF