Gasolio nei pozzi: ordinanza sindacale

1' di lettura 28/03/2013 - A seguito del rinvenimento di gasolio in alcuni pozzi/cisterne privati ubicati nel centro storico; ritenuto a scopo cautelativo di dover emettere il seguente provvedimento; visto l’art.50 comma quinto del D.Lgs.267/2000 e ss.mm.ii. ; si ordina Il divieto di utilizzare l’acqua dei pozzi e cisterne privati per uso umano, animale ed irriguo presenti all’interno del centro storico, per un periodo di 30 giorni dalla data di emissione del presente provvedimento

Si informa che la presente sarà divulgata anche attraverso i locali mezzi di informazione. Si informa altresì’ a)che responsabile del presente procedimento è il Dott. Lazzaro Spadoni, Responsabile del Servizio Manutenzione e Patrimonio Sett.LL.PP., e la struttura dove sono depositati gli atti relativi al procedimento stesso, si trova in Via Santa Chiara n.24 presso l’ufficio tecnico Sett.LL.PP. del Comune di Urbino.

b)Che la presente ordinanza sarà trasmessa agli Enti competenti; c)che il presente atto potrà essere impugnato dagli interessati con ricorso al Tribunale amministrativo regionale delle Marche, entro il termine di sessanta giorni dalla data di notificazione, oppure, in alternativa, con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro centoventi (120) giorni decorrenti sempre dalla data di notificazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2013 alle 18:04 sul giornale del 29 marzo 2013 - 801 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, comune di urbino, ordinanza sindacale, gasolio nei pozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/LbG





logoEV
logoEV