Mattia Sciascia di Fermignano supera le Blind Audition di The Voice of Italy

mattia sciascia fermignano 01/04/2016 - Si è conclusa con la puntata finale delle “Blind Audition”, con un ascolto pari al 11.3% di share con 2 milioni 544 mila spettatori, la prima fase di The Voice of Italy, la trasmissione di Rai2 che premia la Voce condotta da Federico Russo.

Raffaella Carrà, Dolcenera, Emis Killa e Max Pezzali, hanno individuato gli ultimi talenti che secondo loro possiedono le carte giuste per proseguire nel programma. Finalmente i 4 team, composti da 21 Voci ciascuno, sono al completo.

Durante la puntata, 24 ragazzi si sono alternati sul palco ma i posti a disposizione erano 13. È stato difficile scegliere i più meritevoli. Alcuni di loro hanno incuriosito i Coach, come ad esempio Giuseppe Citarelli, che non ha mai studiato tecniche di canto e non è mai salito su un palco prima di ieri o l’eccentrico Armand Curameng originario delle Filippine che con la sua simpatia e originalità è arrivato dritto al cuore del suo coach preferito, Raffaella Carrà.

Le Voci che hanno superato l’ultima Blind Audition: Giuseppe Citarelli (Bari), Roxana Ene (nata in Romania, vive a Roma), Rosaria Mallardo (Giuliano in Campania, NA), Rocco Fiore (Potenza), Cristina Cascone (Roma), Mattia Sciascia (Fermignano, PU), Claudio Di Cicco (Latina), Gianfrancesco Cataldo (Benevento), Cristina Di Pietro (Rimini), Armand Curamen (nato nelle Filippine, vive a Palermo), Fabio De Gennaro (nato a Bitonto, BA vive a Roma), Marta Pilia (nata a Cagliari, vive a Torino), Beatrice Ferrantino (Nova Milanese, MB).

L’appuntamento è per mercoledì 6 aprile con la prima delle due Battle, dove 3 talenti della stessa squadra si sfideranno su un brano scelto dal coach: soltanto uno accederà ai Knock Out.

Nome: MATTIA SCIASCIA
Età: 24 ANNI
CITTÀ DI PROVENIENZA: FERMIGNANO (PU)
PROFESSIONE: DISOCCUPATO

BIOGRAFIA
Ha frequentato l’Istituto d’Arte di Urbino, scegliendo l’indirizzo “Grafica editoriale e restauro del libro”. È sempre stato appassionato di disegno, anche grazie al nonno, pittore e scultore. La mamma gli ha trasmesso la passione per la musica, aveva sempre la radio accesa, cantava e si registrava. È stato Mattia a farle prendere qualche lezione. Ha iniziato a studiare canto a 14/15 anni quando, grazie alla sua ex migliore amica, ha visto “Notre Dame de Paris” e si è innamorato di un personaggio. Prima, per timidezza, non lo aveva mai fatto. Vorrebbe trasferirsi a Londra che reputa migliore, a livello musicale, rispetto all’Italia: ama l’inglese e vorrebbe creare una band in Inghilterra. Si esibisce in discoteca come vocalist e performer. Ha alle spalle anche un’Accademia di teatro e tre settimane a Los Angeles dove ha seguito un Master in canto grazie alla vincita di una borsa di studio. Ha soccorso un ragazzo che stava annegando in mare: da qui, l’idea di fare l’aerosoccorritore, poi abbandonata a favore della musica.

#TVOI
Per la sua Blind Audition canta “Kiss” di Prince. Si girano la Carrà e Dolcenera. Sceglie il #TeamDolcenera.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2016 alle 02:55 sul giornale del 01 aprile 2016 - 1455 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, fermignano, vivere urbino, The Voice Of Italy, mattia sciascia, #TVOI

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avoX