Detenzione e spaccio di stupefacenti, arrestato un trentenne di Apecchio

Detenzione e spaccio di stupefacenti, arrestato un trentenne di Apecchio 04/08/2017 - La notte di mercoledì 2 agosto i Carabinieri di Cagli hanno tratto in arresto D.M. L. di anni 30 originario e residente ad Apecchio responsabile di detenzione e spaccio di stupefacenti.

Nel pomeriggio del giorno primo agosto circa alle ore 16:30 una pattuglia dei Carabinieri di Cagli, impegnata in servizio per la prevenzione dei furti, in località San Geronzio sulla vecchia Flaminia, ha fermato per un normale controllo un'autovettura Opel Corsa, a bordo della stessa si trovavano tre giovani, D.M.L., conducente e proprietario dell’auto, e due ragazze G.M. di anni 25 di Pergola e S.A. di anni 21 di Cagli.

I tre al momento del controllo sono subito apparsi incerti e a disagio, tradendo un certo nervosismo, tanto che han finito per fornire versioni discordanti persino circa il loro transito e la meta che intendevano raggiungere: “stiamo facendo una passeggiata”; “volevamo andare al fiume”.

A questo punto i carabinieri hanno deciso di approfondire il controllo perciò, dopo gli avvisi di rito, hanno provveduto ad ispezionare il veicolo alla ricerca di stupefacenti. Durante tale ispezione sono stati rinvenuti un bilancino di precisione, un frammento di hashish e diversi grammi di marijuana

Una delle ragazze si è assunta la proprietà delle sostanze stupefacenti, dichiarazione che però non ha convinto i militari, soprattutto in relazione al rinvenimento del bilancino elettronico di precisione. Era infatti plausibile la detenzione dello stupefacente per uso personale ma la detenzione in auto dell’apparecchio elettronico ha fatto insorgere dubbi in ordine ad una possibile attività di spaccio, magari posta in essere da D.M.L. soggetto già censurato per analoghi reati.

I tre ragazzi sono stati quindi condotti presso il Comando della Stazione Carabinieri di Cagli dove il comandante, Mar. Capo Matteo Panfili ha posto al corrente dei fatti il Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Urbino, la dott.ssa Simonetta Catani.

A questo punto, dopo aver ricevuto dei rinforzi dai Comandi Carabinieri di Cantiano e Fossombrone si è proceduto alla perquisizione delle abitazioni dei tre giovani.

Mentre per le due ragazze l’operazione si è conclusa celermente e con esito negativo, per il giovane D.M.L. l’intervento è stato in tutti i modi ostacolato. Il giovane infatti ha fornito indirizzi errati fino a che, dopo serrate indagini non si è scoperta la sua effettiva dimora in Apecchio. All’interno dell'abitazione, dopo una attenta perquisizione sono stati rinvenuti 50 grammi di cocaina; oltre 150 grammi di hashish; un ulterire bilancino di precisione oltre al necessario per il confezionamento delle dosi.

In relazione a tutto il quadro indiziario D.M.L. è stato dichiarato in arresto. La mattina del 2 agosto presso il Tribunale di Urbino è stato celebrato il rito di convalida dell’arresto disposta dall’A.G. della città ducale, che ha inoltre disposto la custodia cautelare degli arresti domiciliari a carico di D.M.L. mentre a carico delle due giovani accompagnatrici si è è proceduto ad una semplice denuncia a piede libero.

Le indagini sono tuttora in corso, orientate a scoprire la provenienza delle sostanze stupefacenti sequestrate nonché per mettere in luce il “giro” che D.M.L. aveva posto in essere.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2017 alle 00:00 sul giornale del 04 agosto 2017 - 512 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, cagli, apecchio, detenzione di sostanze stupefacenti, spaccio di droga, arresti domiciliari, antonio mancino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLTs