Congresso PD Urbino, Lorenzo Santi presenta la sua mozione

lorenzo santi 12/10/2017 - Venerdì 13 ottobre, al circolo di Schieti, Ca’Mazzasette e Miniera, iniziano i congressi cittadini che porteranno, entro il 24 ottobre alla elezione del Segretario dell’Unione Comunale PD di Urbino.

Il candidato Lorenzo Santi, cittadino urbinate, da anni impegnato in politica e in diverse attività associative e di categoria, con idee e nuove proposte per stimolare una più condivisa discussione e una rinnovata progettualità per lo sviluppo della città, presenta la sua mozione e illustra le motivazioni che lo hanno portato, sostenuto da parte della segreteria e da numerosi iscritti, a decidere di intraprendere questo percorso.

Secondo Santi è fondamentale che il partito attui un processo dialettico e di confronto al suo interno, come anche con altre forze politiche e sociali, in modo da mettere in atto un confronto aperto ed inclusivo, democratico che permetta di realizzare un sistema organico di sviluppo di progettualità e idee con cui guidare l’azione politica. Gli organi dirigenti, quindi, devono vedere la partecipazione di persone competenti, motivate e laboriose e i circoli devono tornare ad essere un occasione di incontro e dibattito costante.

Le  diverse questioni che riguardano la vita cittadina devono essere discusse all’interno degli organi preposti; il punto di vista del partito, e non di alcuni, sarà comunicato in forma coerente e collegiale alla stampa e ai media, in modo da rendere chiaro e immediato il punto di vista del partito.

Un’attenzione particolare ai giovani. Dobbiamo portare i ragazzi ad impegnarsi in politica, dimostrando loro che l’impegno e la passione sono elementi di arricchimento e anche di divertimento. Una possibilità va individuata anche nelle feste del partito, che, in certi momenti, potrebbero diventare momento di aggregazione e responsabilizzazione dei più giovani. Coinvolgerli per fare quello che a loro interessa, come ad esempio organizzare concerti e spettacoli, deve essere l’occasione per instaurare rapporti di fiducia e riflessione.

Riguardo all’attività politica va registrato che, dopo tre anni di opposizione, il partito democratico risulta essere comunque un elemento essenziale del dibattito politico; a meno di due anni dalle amministrative è necessario riconquistare quello spazio che in molti casi è stato occupato dalle sue anime satelliti. Per fare ciò occorre riconquistare la scena, entrare nel dibattito politico, attraverso la forza delle idee e della coerenza delle scelte, con una presa di posizione precisa e con la collaborazione degli iscritti e dei cittadini che devono avere la consapevolezza di appartenere ad una forza politica che intende essere protagonista della futura stagione elettorale anche con l’individuazione di un candidato sindaco condiviso e unitario.

Va, inoltre, ricostruito un proficuo rapporto con il territorio, in particolare con l’area del Montefeltro con cui tanti sono i temi condivisi: la viabilità interna, la difese delle scuole e il loro potenziamento, lo sviluppo economico e delle attività produttive, la difesa dell’ambiente, la valorizzazione dei beni paesaggistici.

Il partito deve essere l’incubatore delle idee per lo sviluppo, ma deve fare di più divenendo promotore di iniziative che portino alla verifica, nell’ambito delle sue possibilità, della fattibilità delle idee e dei mezzi per poterle attuare. Si devono approfondire diverse e possibili vie di sviluppo della città, per produrre nuovi posti di lavoro e nuove opportunità di crescita.

È dovere di un partito politico che intende tornare al governo della città, esprimersi con chiarezza sulle questioni di interesse comune che coinvolgono pienamente la vita dei cittadini e del territorio. Temi quali la sanità, l’università, le partecipate, il lavoro, il sociale meritano riflessioni puntuali e chiare proposte operative.

Il Partito Democratico deve quindi esercitare con maggior convinzione e determinazione il suo ruolo di opposizione, soprattutto nelle tematiche che toccano da vicino la comunità cittadina, e deve raggiungere la necessaria credibilità per realizzare un’adeguata alternativa all’attuale amministrazione.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2017 alle 00:00 sul giornale del 12 ottobre 2017 - 580 letture

In questo articolo si parla di urbino, politica, pd, lorenzo santi, congresso partito democratico, partito democratico urbino, congresso pd urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNSG