La Casciotta di Urbino ha sbancato il FICO di Bologna, il regno del gusto

La Casciotta di Urbino ha sbancato il FICO di Bologna, il regno del gusto 2' di lettura 03/04/2018 - Un’eccellenza marchigiana ha trovato casa in una delle eccellenze gastronomiche italiane: la Casciotta di Urbino infatti dal 31 marzo al 2 aprile, è stata grande protagonista, nello spazio Foodbrandmarche, di Fico, il più grande parco agrolimentare a livello mondiale sorto a Bologna.

Un prodotto illustre realizzato dalla "Filiera latte e caseari Cooperlat" che è stato riproposto in uno dei luoghi culto del food italiano ed internazionale. Un fiore all’occhiello da esportazione, la Casciotta di Urbino, che, adeguatamente valorizzata, è in grado a sua volta di valorizzare il territorio di provenienza e più in generale le Marche stesse.

L’attività di promozione della Casciotta a Fico ha previsto una degustazione gratuita guidata da Otello Renzi, sia l’1 che il 2 aprile e l’utilizzo di questo pregiato formaggio del menù della Colazione pasquale marchigiana. Non si è trattato solo di gustare la prelibatezza della Casciotta di Urbino, perché era presente nello stand Foodbrandmarche anche in formato visivo con due roll up che arredavano lo spazio in questione: una sorta di introduzione ottica a quello che sarà poi il sapore di questo straordinario prodotto, non a caso “in servizio” anche durante le festività pasquali insieme alle eccellenze italiane nel nuovo tempio gastronomico creato da Oscar Farinetti.

La Casciotta non ha mancato di confermare il proprio valore culinario in chi già la conosceva e di stupire chi, presente a Bologna, non aveva ancora assaporato il suo gusto, perfettamente sposabile con molti altri prodotti della tradizione marchigiana ma anche italiana.

Forgiato della Denominazione di Origine Protetta, il formaggio realizzato dalla "Filiera latte e caseari Cooperlat" è garanzia assoluta di genuinità e bontà, specie se sapientemente abbinato a pane montanaro o comune, fave, uova, salumi, lardo, prosciutto o ciauscolo, ma anche fetta di polenta abbrustolita. Accompagnata in particolare da vini vini bianchi o rosati (anche rossi ma fruttati), la Casciotta di Urbino, oggi più che mai fa così bene intendere perché fosse il formaggio prediletto da Michelangelo. Ed infatti non poteva che trionfare a Fico, il regno del gusto.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2018 alle 19:27 sul giornale del 04 aprile 2018 - 376 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, bologna, gastronomia, fico, casciotta di urbino, fico bologna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTfX





logoEV