A Sassonia non si nuota: nuovo divieto di balneazione fino a venerdì

18/07/2018 - Niente tuffi, niente bagni. Insomma, nessuno tocchi l’acqua di Sassonia. Lo impone un altro divieto di balneazione, in vigore fino a venerdì. Salvo proroghe. Si attendono i risultati degli ultimi rilevamenti dell’Arpam. Dita incrociate fino ad allora. E gli scolmatori? Non sono ancora operativi.

Da 50 metri a nord della pista dei go kart fino ai Bagni Sergio: questa la zona interessata dal divieto. Nessun allarmismo: il Comune vuole semplicemente tutelare la salute dei bagnanti, perciò il provvedimento va inteso come una pura precauzione. Intanto, però, si sottrae tempo prezioso ai tanti vacanzieri che si affollano nella poca spiaggia libera rimasta.

La svolta avverrà soltanto quando i due nuovi scolmatori entreranno davvero in funzione. Da quel momento in poi, l’acqua delle fognature verrà riversata in mare, a 400 metri dalla riva. Problemi di allacci da un lato, questione di ancoraggi dall’altro - per far sì che non riemerga il “tubo di Loch Ness” di viale Adriatico -: di certo, prima si collauderanno i nuovi impianti prima si dormiranno sonni tranquilli. Magari stando distesi su un materassino. Il rischio è che l’attesa possa essere ancora lunga.


di Simone Celli
redazione@viverefano.com






Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2018 alle 16:20 sul giornale del 19 luglio 2018 - 690 letture

In questo articolo si parla di lavori pubblici, attualità, fano, redazione, mare, aset, sassonia, articolo, scolmatori, scolmatore, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWKi