Urbino al Centro: "Gambini pensi alle poltrone regalate ai Signorsì incompetenti!"

maurizio gambini 10/08/2018 - Gambini ormai non ha altri argomenti che la diffamazione degli avversari. Consapevole del fatto che “Urbino al Centro” raccoglie la parte migliore del centro e del centro-destra, avanza la fantasiosa accusa che i suoi membri si sarebbero costituiti solo perché attaccati alle poltrone.

Urbino al Centro raccoglie, oltre che a cittadini indipendenti, la maggioranza degli ex militanti di Forza Italia, stanchi dei maneggi politicanti di Foschi e Balduini; ed ex esponenti chiave della stessa lista di Gambini, Liberi per Cambiare.

Alla prossima tornata elettorale Gambini avrà con sé solo un’esigua minoranza di Forza Italia, i suoi parenti e gli incompetenti a cui ha regalato le poltrone (e probabilmente nessuno della Lega di Urbino, in totale disaccordo con le presunte e non ufficiali posizioni della Lega provinciale).

Nessuno dei membri di Urbino al Centro hai mai fatto politica di professione, l’unico movente della nostra azione è l’amore per una città degna di essere una capitale planetaria, che è invece umiliata e devastata dalla gestione privatistica, autoreferenziale e clientelare di individui come Gambini e Foschi, privi di qualsiasi competenza o qualifica per rappresentare una città come Urbino.

Il problema per noi di Urbino al Centro non è chi fa le cose, e dunque chi occupa le poltrone, ma quali sono le cose si fanno! Se Gambini avesse realizzato solo la metà delle proposte del programma su cui è stato eletto, e per cui lo avevamo sostenuto, avremmo sopportato anche l’estromissione violenta di assessori competenti per regalare la poltrona a chi, come la Foschi, che nelle parole di Gambini “vive di sola politica”. Il problema vero è che Gambini non solo non ha realizzato nemmeno uno dei punti del programma, ma ha fatto l’esatto contrario di quello che resta ancora oggi un “progetto di governo della città” in gran parte valido. Ed è questo tradimento dei valori e delle proposte sulle quali era stato eletto la principale causa della situazione ormai drammatica della nostra città, con un turismo e un commercio devastati, un centro storico ridotto a parcheggio, un comune indebitato e con la sua principale azienda sotto processo! E, soprattutto, con la popolazione scesa a livelli senza precedenti, e i nostri giovani costretti ad emigrare a causa di un’economia senza prospettive.

Invece di pensare alle poltrone, Gambini avrebbe fatto meglio a pensare a come rilanciare l’economia della città, ma ovviamente questo non era alla portata di un individuo che più che imprenditore è sempre stato un “prenditore”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2018 alle 00:00 sul giornale del 10 agosto 2018 - 1223 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, politica, Maurizio gambini, urbino al centro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXqm