Una Mostra con una marcia in più, il connubio Tartufo&Motori si esalta con la 40esima edizione del Motoraduno

motoraduno sant'angelo in vado 09/10/2018 - Quando alla vigilia degli anni 80 i primi centauri partirono per delle moto passeggiate lungo il Metauro e tra i tornanti del Furlo durante la Mostra Nazionale del Tartufo, chissà se immaginavano cosa sarebbe successo in pochissimo tempo.

Quel motoraduno abbinato all’evento di punta della città è diventato a sua volta un punto fermo di Sant’Angelo in Vado e quest’anno arriva a spegnere le 40 candeline. L’appuntamento, come di consueto, è per il secondo week end della mostra quando nella cittadina vadese arriveranno migliaia di appassionati delle due ruote per una tre giorni di sport, turismo, cultura ed enogastronomia che prevede tour nei borghi più belli dell’entroterra pesarese, visite guidate a musei e luoghi d’arte e, ovviamente, pranzi e cene a base di tartufo.

Da 23 anni l’evento, organizzato egregiamente dal Motoclub Tonino Benelli, si è aggiudicato la “qualifica” di internazionale e questo perché il feeling tra motoradunisti vadesi e stranieri è solido: anche quest’anno, il 19-20-21 ottobre, si vedranno targhe da Inghilterra, Finlandia, Spagna, Germania, Francia, Austria, Polonia, con alcuni “aficionados” che ormai hanno la loro stanza fissa in alberghi o B&B o addirittura appartamenti in affitto.

Con il motoraduno torneranno le classiche cantine (e l’ormai immancabile tazza commemorativa), una delle quali con special guest Nicola Gaggi, il cantante della Borghetti Bugaron Band di Fano che quest’anno ha festeggiato i 30 anni di carriera.

Purtroppo quest’anno non prenderanno parte al raduno sulle due ruote due figure storiche del Moto Club Tonino Benelli, recentemente scomparse: Daniele Montecchi, già consigliere e tuttora Delegato Regionale FMI, un punto di riferimento per tutto il sodalizio, attivo dietro le quinte del Benelli e ben presente alle iscrizioni e Tonino Collesi, in arte “Tonino Focacina”, il padre del Motoclub “Benelli” avendolo fondato 40 anni fa. A loro, ovviamente, sarà dedicata questa importante edizione con appuntamenti ufficiali e con tanti altri sottotraccia che scalderanno comunque i cuori dei presenti.

Ma il connubio tartufo e motori avrà anche tante altre sfaccettature con tante altre iniziative rombanti soprattutto in Piazza delle Erbe dove si alterneranno circuiti di mini moto per ragazzi e Paddock professionali in stile motomondiale e dove sarà allestita una mostra di moto d’epoca quasi a suggellare questo importante traguardo raggiunto dal Moto Club, mettendo in esposizione decine di modelli che hanno percorso negli anni le terre vadesi.

A completare il ricco programma motoristico della 55^ Mostra Nazionale del Tartufo di Sant’Angelo in Vado sarà il 25esimo Raduno di Auto Classiche “Le Strade del Tartufo” che quest’anno vedrà anche l’inaugurazione della nuova sede dell’associazione organizzatrice.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2018 alle 00:00 sul giornale del 09 ottobre 2018 - 246 letture

In questo articolo si parla di attualità, tartufo, sant'angelo in vado, eventi, Mostra nazionale del tartufo bianco pregiato delle Marche, Motoraduno del Tartufo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZbE





logoEV