Giovedì inaugurazione della Pink Room all'Ospedale di Urbino, "la bellezza dà forza e sollievo contro il tumore"

ospedale di urbino 04/12/2018 - Giovedì 6 dicembre alle ore 11.00, ad Urbino, il Presidio Ospedaliero Unico dell’Area Vasta 1 si apre alla cittadinanza ed agli operatori sanitari per inaugurare una stanza “colorata” dedicata alle donne con patologie oncologiche, offrendo ad esse un nuovo spazio complementare al percorso di cura.

Il grande cambiamento, fisico e psicologico, che i pazienti oncologici si trovano ad affrontare a seguito di interventi chirurgici e terapie antitumorali ha un grande impatto sul loro stile di vita ed in particolar modo nel mondo femminile. Uno dei principali problemi è, infatti, l’impatto visivo che deriva dagli effetti collaterali delle terapie. I problemi estetici che ne scaturiscono si ripercuotono sull’autostima e la qualità della vita del paziente.

Oncologi e psicologi si sono resi conto che quella estetica è dunque un’esigenza reale alla quale è importante fornire una risposta concreta.

L’apertura della “Pink Room”, allestita presso l’U.O. di Oncologia dell’Ospedale di Urbino - diretta dalla dr.ssa Enrica Testa - è l’ambiente dedicato all’estetica oncologica. In tale spazio sarà possibile effettuare, alle donne con patologie oncologiche, trattamenti estetici gratuiti, massaggi, consigli per il make-up, da parte di estetiste specializzate ed abilitate al trattamento delle pazienti oncologiche.

All’inaugurazione della “Pink Room” parteciperanno il Direttore di Area Vasta 1 Romeo Magnoni, il Governatore Luca Ceriscioli, il Direttore Generale ASUR Alessandro Marini, il Presidente della Commissione Sanità della Regione Marche Fabrizio Volpini e il Consigliere Regionale Federico Talè, il Sindaco di Urbino Maurizio Gambini.

È da altresì evidenziare che tutto questo è stato possibile grazie al sostegno delle “Donne delle Contrade di Urbino”, associazione rivolta alle donne colpite da tumore al seno, che hanno sostenuto l’amministrazione sanitaria nella realizzazione del progetto dell’estetica oncologica. Nel contempo hanno dotato il centro di oncologia di Urbino di un importante supporto alle cure, donando cuffie refrigeranti che prevengono la caduta dei capelli durante le terapie oncologiche, permettendo quindi alle donne la possibilità di affrontare le terapie, almeno per quanto riguarda la complicanza più temuta, in maniera meno traumatica. Nella stessa giornata nel pomeriggio, sempre organizzato dalle donne delle contrade, seguirà un convegno, aperto a tutta la cittadinanza, dal titolo "Il benessere dopo la cura, un approccio "olistico" al tumore del seno", con la presenza della Dott.ssa Enrica Testa ed il team multidisciplinare senologico di Urbino. Un ringraziamento va anche all’artista Ermes Ottaviani che per l’occasione ha donato un’opera scultorea che abbellirà i luoghi della cura. Non da meno un particolare ringraziamento va al gruppo IMAB, che ha donato gli arredi della Pink Room, e a tutta la rete sociale di famiglie ed aziende che hanno condiviso e favorito la realizzazione di questi importanti obbiettivi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2018 alle 00:00 sul giornale del 04 dicembre 2018 - 3210 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, urbino, asur, asur marche, ospedale di urbino, area vasta 1, pink room

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a14p