Fossombrone, ritrovate le ostie consacrate e le pissidi rubate ai frati dei Cappuccini

ostia 05/12/2018 - È stato ritrovato ai bordi della strada, in località Ghilardino di Fossombrone quanto era stato rubato dalla chiesa dei Cappuccini di Fossombrone.

I balordi, protagonisti di una profanazione dettata dalla disperata ricerca di denaro che credevano di ricavare dal riciclaggio del calice, hanno abbandonato sul ciglio delle strada, un sacchetto all’interno del quale manca proprio il calice «il cui vero valore è affettivo e niente più - ha spiegato il priore Fra Filippo - perché era stato donato da una fedele ad un frate che è morto».

Trenta particole che i fedeli ricevono dal celebrante al momento della Comunione; l’ostia grande, spezzata in più parti, che il sacerdote eleva nel momento centrale della messa; due pissidi, dove le ostie consacrate vengono conservate e la piccola chiave del tabernacolo dell’altare centrale.

Quanto rubato sabato scorso dalla chiesa del Colle dei Santi è stato rinvenuto dentro un sacchetto, casualmente da una signora che passeggiava con il cane.





Questo è un articolo pubblicato il 05-12-2018 alle 00:00 sul giornale del 05 dicembre 2018 - 364 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fossombrone, furto, articolo, Roberto Giungi, ostie consacrate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a16M