Finanziamenti Fondo europeo: Ceriscioli, "Risorse per crescere, competere e allargare i propri mercati"

19/03/2019 - Il presidente della Regione e una delegazione della Commissione europea hanno visitato alcune aziende del maceratese beneficiarie di finanziamenti del Fondo europeo.

“Oggi abbiamo toccato con mano ciò che si realizza con i fondi europei attraverso imprese innovative che utilizzano tali risorse per crescere, competere e per allargare i propri mercati. Senza questi fondi un’impresa che vuole industrializzare un procedimento di grandissima capacità innovativa avrebbe sicuramente fatto fatica e quindi non essere più competitiva e in grado di garantire lavoro. La parte interessante delle risorse europee è quella di spingere le aziende sempre più ad innovare verso nuove frontiere dell’economia. Inoltre, guardano ad uno sviluppo che sia in armonia con il paesaggio e con la qualità della vita delle persone. Ho potuto anche constatare che le imprese dovendo vincere la sfida dell’innovazione sempre più si collegano con le Università”.

Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli accompagnato dal vice capo dell’unità Italia-Malta della Direzione generale Regio della Commissione europea, Nicola Aimi, ha visitato, con una delegazione, alcune aziende del maceratese beneficiarie di finanziamenti del Fondo europeo a sostegno dei processi di innovazione aziendale e utilizzo di nuove tecnologie.

Prima tappa del tour è stata quella presso l’azienda Delta srl di Montelupone che ha elaborato un programma di investimento focalizzato sullo sviluppo di nuovi materiali compositi acrilici per lavelli da cucina e finalizzato all’applicazione dei risultati della ricerca, per i quali l’impresa è titolare di brevetti internazionali. A seguire si è visitata la Ralò srl di San Severino Marche, azienda che ha previsto l’ampliamento dell’attuale sede con un nuovo impianto produttivo, che sarà realizzato e operativo nel 2020 a Matelica. Il nuovo impianto è stato concepito per avere un altissimo grado di automazione e controllo attraverso un’interconnessione spinta di tutti i processi di produzione per mezzo di un sistema centralizzato di gestione della supply chain. Ultima tappa è stata quella presso la Contram spa di Camerino. Il programma di investimento della Contram ha previsto l’acquisto di nuovi autobus per integrare la mobilità sostenibile e l’acquisto di un minibus elettrico, il primo nelle Marche, in grado di raggiungere punti particolari del contesto territoriale e urbano della città.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2019 alle 16:39 sul giornale del 20 marzo 2019 - 539 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5vS





logoEV