Rettifica della LAC Marche sulla riapertura alla caccia dell’Oasi faunistica “La Badia” di Urbino

caccia 1' di lettura 13/06/2019 - Riceviamo e pubblichiamo la rettifica di LAC Marche in merito alla riapertura alla caccia dell’Oasi faunistica “La Badia” di Urbino.

"Lega per l’Abolizione della Caccia delle Marche intende precisare che le notizie sulla riapertura alla caccia dell’Oasi faunistica “La Badia”, come pure di altre aree attualmente precluse all’attività venatoria come il C.P.R.F.S. “Rancitella”, sempre nel Comune di Urbino, sono frutto di alcune indiscrezioni che non hanno alcuna attinenza con il nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, alla cui redazione stanno lavorando lo Studio Geco, la Cooperativa D.R.E.A.M. Italia, ma soprattutto il Dott. Giovanni Giuliani, zoologo e consulente faunistico di Urbino. Pertanto sia gli studi tecnici indicati, che il Dott. Giovanni Giuliani, tantomeno suo padre il Dott. Angelo Giuliani, rinomato dirigente ASUR della Regione Marche, non hanno nulla a che fare con le notizie suddette."

Danilo Baldini - Delegato LAC per le Marche






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-06-2019 alle 15:02 sul giornale del 13 giugno 2019 - 631 letture

In questo articolo si parla di attualità, caccia, urbino, rettifica, montecalvo in foglia, Danilo Baldini, lac marche, oasi la badia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8yZ





logoEV