La prima nazionale di “Per Elisa” con Violante Placido apre il Fossombrone Teatro Festival

violante placido 3' di lettura 09/07/2019 - La 18esima edizione del Fossombrone Teatro Festival inizia domani sera (Esedra di Piazza Mazzini, mercoledì 10 luglio alle ore 21.30) con la prima nazionale del recital “Per Elisa”, che vede Violante Placido alla voce recitante, Davide Alogna al violino e Giuseppe Greco al pianoforte.

La breve composizione in la minore per pianoforte scritta da Ludwig van Beethoven, uno dei brani più familiari di tutta la musica occidentale, che ha accompagnato generazioni di studenti di pianoforte, è la colonna sonora del testo scritto da Bianca Melasecchi, che indaga il ruolo delle donne e dell’amore nella vita di Beethoven.

Il compositore tedesco non si sposò, malgrado si dichiarasse a molte donne, fu parecchio sfortunato e riuscì raramente a portare a buon fine le sue conquiste. I motivi erano diversi: alcune erano spaventate dal suo comportamento bizzarro, altre erano di rango nobiliare e dunque a lui inaccessibili, altre ancora erano già sposate. “Bianca conosce Beethoven molto bene e lo ha ricostruito dal punto di vista umano e intimo – ha spiegato Violante Placido -: un uomo appassionato, a tratti tenero. L'amore non ha regole né limiti dove inscatolare tutto e Beethoven puntava ad elevare lo spirito, gli uomini. L'amore di questa donna lo completa, perché lo capisce e lo accetta”.

“Ho pensato di impostare lo spettacolo in prima persona, dando voce all''immortale amata' (non sappiamo chi fosse, ndr.), e tramite il suo racconto del suo amore mostra a noi il cuore dell'uomo, non del musicista - ha spiegato Bianca Melasecchi, autrice del testo -. Si parla dell'approccio, teso all'impossibile, tra l'artista e le donne. in quanto precursore del Romanticismo”.

“Violante darà voce alla sua amata, Beethoven risponderà a lei con la musica, il suo unico modo per aprirsi e mostrarsi – ha aggiunto l'autrice -. Le parole dell'artista sono le sue note, in quanto da sempre il compositore tedesco ebbe difficoltà nel mostrarsi e nel comunicare. Un autore idealista, 'alto', iroso e sicuro delle sue convinzioni. Con la sua musica riesce a superare gli ostacoli che lo trattengono e gli impediscono di essere a suo agio nel mondo. Lei lo capisce, lui si apre e può liberare l'infinito amore ideale e assoluto che prova. Un uomo, l'uomo Beethoven, di cui sono profondamente innamorata, che mi ha lasciato una bellissima immagine del modo di essere uomini, impetuoso e irto, profondissimo e su livelli quasi metafisici”.

Ad accompagnare Violante Placido saranno due musicisti di rango. Davide Alogna è considerato uno dei violinisti italiani più interessanti e talentuosi della sua generazione e la prestigiosa rivista “Amadeus” l’ha scelto come “artista copertina” per ben due volte. Il musicista si è diplomato sia in pianoforte che violino con il massimo dei voti presso il Conservatorio “G. Verdi” di Como e, successivamente, si è diplomato a Parigi presso il Conservatorio Superiore con il “Premier prix a l’unanimitè” nel 2006. Per Alogna è la seconda apparizione al Fossombrone Teatro Festival.

Giuseppe Greco, pugliese di Palagianello (Taranto), si è diplomato in pianoforte a 15 anni, si è perfezionato all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, diplomandosi a soli 19 anni con il massimo dei voti e la lode in pianoforte e musica da camera con i maestri Sergio Perticaroli, Rocco Filippini e Carlo Fabiano. Nel marzo 2011 ha vinto la borsa di studio Yamaha offerta dalla "Yamaha Music Foundation of Europe" come migliore pianista italiano.

“Per Elisa” nasce da un’idea di Elena Marazzita ed è distribuito in esclusiva da AidaStudio.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-07-2019 alle 19:28 sul giornale del 09 luglio 2019 - 308 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, fossombrone, Fossombrone Teatro Festival, violante placido, per elisa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9sQ





logoEV