L'accordo con Pesaro per la Capitale Europea della Cultura, Viva Urbino-PD: "Il nostro impegno sta dando i primi frutti"

urbino generic 2' di lettura 09/08/2019 - Quali Consiglieri di Viva Urbino e Partito Democratico siamo soddisfatti che l’Amministrazione abbia fatto proprio uno dei punti del nostro programma che abbiamo sollecitato continuamente - la partecipazione insieme a Pesaro alla candidatura per Capitale europea - e che oggi sembra riscuotere grande approvazione.

Dopo le uscite sulla stampa, le sollecitazioni in Consiglio, la mozione presentata già venti giorni fa per promuovere il protocollo d’intesa e che sarà discussa nella prossima Assemblea Consiliare, finalmente un passo nella direzione di mettere in campo la proposta che, già in fase di programma elettorale, avevamo delineato all’interno delle politiche e azioni da intraprendere in ambito culturale considerando già le opportunità ad esse legate, sia sul piano dei rapporti con il territorio che del rafforzamento di interventi strutturali:

Partecipare alla selezione per la prossima Capitale Europea della Cultura, per impostare una politica di lungo respiro, che sappia determinare interventi strutturali di valorizzazione del patrimonio culturale e individui nella crescita culturale dei cittadini, attuata attraverso la strutturazione di servizi e iniziative, la base a garanzia dello sviluppo della città. La candidatura potrà essere condivisa con Pesaro per una maggiore forza di impatto e diventare anche il contesto entro cui promuovere interventi di rafforzamento del territorio, quali il miglioramento della viabilità (Testo del punto programmatico).

La nostra soddisfazione è comunque mitigata dalla preoccupazione che si voglia davvero procedere con impegno ed energia e che l’accordo non resti soltanto un atto di facciata: fino all’altro giorno tutte le componenti dell’Amministrazione - Sindaco in testa - si erano pronunciati in maniera contraria all’ipotesi; nello stesso programma presentato nel corso dell’ultimo Consiglio non si è fatto minimo accenno a temi di politica culturale - tranne le iniziative per le celebrazioni raffaellesche - e tantomeno all’ipotesi di aderire alla richiesta del Sindaco di Pesaro. Ancora oggi, nel confronto tra le dichiarazioni tra i due primi cittadini si riscontra una diversità lampante nella chiarezza di obbiettivi e di iniziative da intraprendere.

Ci chiediamo, tra l’altro, come sia possibile e pensabile affrontare un tale impegno con un Ufficio Cultura completamente sguarnito e con un vuoto di riferimenti che lascia davvero da pensare. Oggi abbiamo comunque raggiunto un primo obbiettivo e continueremo con impegno a lavorare non solo per sottoporre a costruttiva critica la maggioranza, ma soprattutto per presentare e sostenere proposte che concorrano al benessere dei cittadini e a valorizzare le peculiarità della città nell’ottica di favorire il suo sviluppo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-08-2019 alle 23:03 sul giornale del 10 agosto 2019 - 432 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, politica, pesaro, capitale europea della cultura, partito democratico urbino, cut liberi tutti, capitale europea della cultura 2033, viva urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0Ax