La disastrosa condizione dei bagni pubblici della città nell'anno di Raffaello

La disastrosa condizione dei bagni pubblici della città nell'anno di Raffaello 2' di lettura 08/01/2020 - È iniziato l'anno delle celebrazioni per il cinquecentenario dalla morte di Raffaello. Urbino sarà, ce lo auguriamo, meta imprescindibile per tutti coloro che vorranno scoprire il nostre illustre concittadino; qualcosa sembra muoversi per quanto riguarda le iniziative, e anche questa prima domenica del mese (probabilmente anche per l'entrata gratuita) una buona fila, che in alcuni momenti abbraccia Piazza Duca Federico, per la mostra di Palazzo Ducale "Raffaelo e gli amici di Urbino".

Nonostante questo Urbino continua pedissequamente nei proprie atavici errori di accoglienza, a cominciare dalle cose elementari come i servizi igienici: un cittadino ci ha segnalato, con tanto di fotografie, la situazione del "cesso" (chiamiamolo col nome che merita), di via Mazzini: sporco, imbrattato, intonaco che cade, muffa e cavi elettrici come in un cantiere. E c'è da dire che erano pure puliti rispetto ai giorni di Natale, dove addirittura per giornate intere hanno stazionato feci nei punti di appoggio dei piedi sulla turca; niente carta igienica e sapone.

Nel frattempo la conclusione dei lavori per il nuovo bagno pubblico di viale Buozzi, proprio quello di fronte al Monumento di Raffaello, sembra essere lontana: mesi di lavoro per una decina di m2, in Cina nello stesso tempo hanno costruito un grattacielo, antisismico.

Infine facciamo nostra la denuncia sui social dell'associazione "i volontari di Valbona" i quali lamentano, giustamente, l'intera via Mazzini trasformata in un vero e proprio parcheggio, con i turisti costretti a camminare a centro strada. anche durante il passaggio dei cortei storici.

Riteniamo sia il caso che l'Amministrazione concentri le forze dei propri addetti per risolvere al più presto, entro qualche settimana al massimo, le criticità che abbiamo sollevato, cosìcchè i turisti, e non solo, che necessitano dei servizi igienici non tornino a casa con spiecevoli ricordi e una cattiva immagine della nostra città, poichè la prima promozione di un posto turistico inizia con il passaparola.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2020 alle 15:46 sul giornale del 08 gennaio 2020 - 1045 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, politica, Movimento 5 Stelle, bagni pubblici, M5S, movimento 5 stelle urbino, bagni pubblici urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beNN





logoEV