Grande successo per “Il Natale che non ti aspetti”, oltre 300mila visitatori nei borghi della provincia

Gradara Natale 6' di lettura 10/01/2020 - Ha catalizzato l’attenzione delle più importanti tv, radio e riviste nazionali; ha accolto migliaia di visitatori, affascinandoli, con una proposta unica, pensata per le famiglie; ha raccontato una provincia, i suoi borghi, le sue eccellenze enogastronomiche, storiche, culturali. E ha fatto sognare.

“Il Natale che non ti aspetti”, l’evento diffuso organizzato dalle Pro Loco di Pesaro e Urbino e sostenuto dalla Regione Marche, saluta la sua edizione da record. Oltre 300mila i visitatori che per 7 settimane, dal 23 novembre 2019 fino all’Epifania 2020, hanno fatto visita a un territorio grande 2500 chilometri quadrati costellato dai 18 borghi coinvolti e animato dagli eventi organizzati dai 1000 volontari delle Pro Loco in collaborazione con la Provincia.

“Visibilità, ritorno economico, coesione del territorio, nuova vita a borghi dell’entroterra e nuovo respiro per le attività economiche locali - ha sottolineato Damiano Bartocetti, presidente comitato Pro Loco Pesaro e Urbino -. La portata dell’edizione appena conclusa è davvero enorme, quasi inaspettata. Sono tanti, variegati e di lungo termine i risultati che abbiamo raggiunto. Non posso che ringraziare, ancora una volta, le Pro Loco che hanno messo impegno, passione e dedizione al servizio della provincia. Ringrazio la Prefettura e le forze dell’ordine per il sostegno impeccabile e la Regione Marche. Ora guardiamo al futuro, e puntiamo in alto. Nei prossimi giorni invieremo una missiva al Ministero della Cultura e del Turismo per raccontare la nostra iniziativa”.

“Un grande lavoro di squadra - ha detto Renato Claudio Minardi, vice presidente del Consiglio Regionale delle Marche - che ha dato risultati rilevanti. Ora l’auspicio è che la manifestazione continui a crescere, coinvolgendo nuove realtà della provincia diventando una “Christmas Land”. Dobbiamo porci come modello da ampliare anche al resto delle Marche, un passo importante in questo senso è stata la firma del protocollo d’intesa tra il comitato provinciale delle Pro Loco e la Regione sottoscritto dal presidente Luca Ceriscioli il 2 agosto 2019. Speriamo che questa rete possa replicare la promozione delle proprie attività anche in altri periodi dell’anno. La Regione ci crede e lo dimostra sostenendo finanziariamente la manifestazione: abbiamo già stanziato 50mila euro per ‘Il Natale che non ti aspetti’ 2020/2021”.

Quella de “Il Natale che non ti aspetti” è stata un’offerta unica e suggestiva, che ha attirato l’attenzione delle più importanti trasmissioni tv nazionali. Hanno parlato de “Il Natale che non ti aspetti”: il Tg1 con un servizio nell’edizione serale delle 20; “Costume & Società”, storica rubrica del Tg2 (Rai2) che ha dedicato all’evento due servizi (26 dicembre e 6 gennaio); “ClassLife” di Sky (canale 507) con lo speciale “Magico Natale” del 21 dicembre; la “Festa Nazionale della Befana” di Urbania è stata presentata dal Tg5 il 5 gennaio; Studio Aperto (Italia 1) ha parlato della magia de “Il Natale che non ti aspetti” nel pomeriggio del 25 dicembre all’interno del programma di approfondimento “MAG” e il 5 gennaio nel notiziario delle 18.30 con un focus sull’iniziativa di Urbania; l’amata “Domenica In” di Rai1 condotta da Mara Venier, ha accolto nei suoi studi la vecchina più amata dei piccini insieme alle sue aiutanti durantine il 5 gennaio; “Uno Mattina” di Rai1 ha accompagnato i telespettatori alla scoperta de “Le vie dei Presepi” di Urbino il 24 dicembre e dell’iniziativa di Casteldurante il 5 gennaio; “La Vita in Diretta” di Rai1 ha svelato gli appuntamenti de “Il Natale Più” di Fano il 27 dicembre; gli eventi delle Pro Loco sono stati trasmessi anche nel canale all news della Rai - RaiNews24 - e su Rai Italia, con la puntata di Domenica In trasmessa in tutto il mondo.

Ma “Il Natale che non ti aspetti” ha conquistato anche le trasmissioni dell’etere - come “Globetrotter” di Radio24; Radio Linea Numero 1; “I Viaggi di Radio 1” e “Radio 2 in un’Ora” - e le pagine delle più importanti riviste generaliste e di viaggi, quelle dei quotidiani e l’attenzione delle agenzie di stampa. Tra queste: La Repubblica, Corriere della Sera, Il Giornale, Dove, Vanity Fair, Cose di Casa, Touring Club, Famiglia Cristiana, Di Più, Insieme, La Freccia, Gusto Sano, Adesso, Sano & Leggero, Oggi, Plein Air, Italia a Tavola, TgCom24, QN - Quotidiano Nazionale, Ansa, AskaNews. Centinaia anche gli articoli e i servizi radio e tv che la stampa locale ha dedicato alla manifestazione, guidando i marchigiani alla scoperta delle curiosità inserite nel ricco programma de “Il Natale che non ti aspetti”.

Un successo da record, anche in termini di visitatori, come testimoniano i numeri: 60mila le presenze registrate a Gradara per “Nel Castello di Natale” (500 camper); 36mila quelle di Candele a Candelara; 35mila visitatori e 1000 camper per la “Festa Nazionale della Befana” di Urbania; 20mila quelle del Natale a Mombaroccio, 7mila coloro che hanno ammirato la Rocca di Frontone trasformata “Nel Castello di Babbo Natale”. Dati in crescita a Urbino dove le “Vie dei Presepi” hanno accolto 5500 persone arrivate nella città ducale per conoscere le 300 natività collocate in oltre 60 punti espositivi. Centro storico affollato di famiglie a Fossombrone, che ha ammaliato il pubblico con le 250 lanterne e le 60.000 luci previste dallo scenografico allestimento di corso Garibaldi per il “Magico Natale”; eventi no-stop anche per il “Natale in Centro” di Pesaro che ha proposto 67 appuntamenti tra musica, spettacoli, animazioni, concerti e sport per residenti e turisti. Tripudio di pubblico anche per “Il Natale Più” di Fano che ha segnato più volte il “tutto esaurito” in piazza XX Settembre, come accaduto a Capodanno e durante l’Epifania.

Presi d’assalto anche la new entry dell’edizione i “Mercatini di Santa Caterina” di Orciano di Pesaro (Terre Roveresche) e lo spettacolare presepe vivente di Paravento di Cagli che ha richiamato 2mila visitatori in poco meno di 3 ore di rappresentazione. Successo di pubblico per il “Natale da Vivere” di Fermignano con l’enorme panettone alto 3 metri e largo 4; folla per la goliardica Xmas Race di Mondolfo che ha visto sfidarsi 20 coloratissimi e fantasiosi biroccini; ottima affluenza anche per le golose Cioccovisciola di Pergola e CioccoRocca di Mondavio, e per le iniziative del Christmas Palace di Mercatello sul Metauro, di “Natale InCanto” di Sant’Ippolito e “Natale a Montecchio” di Vallefoglia.

“Fino a qualche anno fa i mesi di novembre e dicembre erano i più sterili per le strutture ricettive - ha concluso Fabrizio Oliva, presidente Apa Hotel Pesaro - ora, grazie a ‘Il Natale che non ti aspetti’ sono quelli in cui, durante i fine settimana, gli alberghi del territorio registrano il ‘tutto esaurito’ portando nella nostra provincia visitatori che scoprono per la prima volta i borghi, per poi innamorarsene tornando a visitarli in altre stagioni”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2020 alle 17:27 sul giornale del 10 gennaio 2020 - 265 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, frontone, urbania, gradara, candelara, mombaroccio, unione nazionale pro loco italiane, unpli, il natale che non ti aspetti, comitato provinciale pesaro urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beTz





logoEV