Il coronavirus e lo stato di confusione, Gambini chiude le scuole, per Sgarbi "Una follia"

gambini e sgarbi 2' di lettura 26/02/2020 - La diffusione del Covid 19 in alcune regioni del Nord ha creato molto allarme e preoccupazione anche tra gli urbinati. Ma quello che sorprende è la reazione del sindaco che anziché rassicurare e prevenire forme di isteria, rischia di alimentarle con la decisione della chiusura delle scuole.

Il nostro Comune è l’unico della Regione ad aver imposto la chiusura delle scuole per tre giorni. Ora non siamo al corrente che esistano forme di contagio né sul nostro territorio, né sul territorio limitrofo. Il nostro Comune quindi è l’unico in Italia non coinvolto direttamente dal contagio ad averlo fatto con una decisione dettata più dall’emotività che dalle raccomandazioni medico-scientifiche dell’Unità di Crisi.

Se il Sindaco è a conoscenza di informazioni riservate, non note dalla popolazione, ha il dovere di dirlo. Diversamente la misura è stata eccessiva con il rischio di aumentare i disagi perché i genitori e i familiari dovendo, invece, recarsi al lavoro non avranno saputo a chi affidare i propri figli. In questo modo oltre a favorire il panico si aumentano anche i rischi perché bambini e ragazzi difficilmente se ne saranno stati rintanati in casa.

Tradotto in soldoni la decisione di Gambini è la decisione dei sindaci leghisti. L’obiettivo è chiaro: drammatizzare la situazione al fine di lucrarne sul piano politico ottenendo visibilità come fa Salvini sul piano nazionale.

Infine il provvedimento del Sindaco viene violentemente attaccato dal pro-sindaco Sgarbi, che durante la trasmissione “Otto e Mezzo”, condotta dalla Gruber, ha definito la chiusura di scuole e musei addirittura in Lombardia e Veneto e nelle zone rosse colpite pesantemente dal contagio, “un crimine contro la cultura” e “una follia”. Anche a questo proposito la città vorrebbe sapere se è legittimo, Statuto alla mano, che il pro-sindaco intervenga, comunque la pensi, nelle decisioni prese dal sindaco. Gli amministratori hanno il dovere di dare certezze e linee guida alla popolazione, non creare confusione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2020 alle 07:58 sul giornale del 26 febbraio 2020 - 565 letture

In questo articolo si parla di urbino, politica, vittorio sgarbi, Maurizio gambini, sinistra per urbino, comunicato stampa, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgLG