Nasce il Coordinamento Giovani Studenti e Precari Marche

2' di lettura 21/05/2020 - Dopo la campagna per il blocco di affitti e utenze lanciata dalla rete giovane Noi Restiamo e dal sindacato inquilini As.i.a. USB e la mobilitazione per il diritto allo studio ai tempi del coronavirus, come giovani, studenti e precari marchigiani abbiamo deciso di strutturarci in un coordinamento regionale per dar voce ad un’intera fascia generazionale da sempre abbandonata da Governo e istituzioni regionali.

La nostra condizione, già impoverita da dieci anni di crisi economica che continua e si intensifica, è nuovamente minacciata dall’emergenza Coronavirus. I costi di questa crisi stanno venendo scaricati già da ora sulle spalle delle nuove generazioni, che stanno subendo gravi ripercussioni economiche e sociali, costrette a sborsare senza sconti tasse, affitti e bollette.

Tutto ciò grava pesantemente sulla garanzia del diritto allo studio. Proprio come dopo la crisi del 2008, c’è il forte rischio di una diminuzione di iscritti all’università e di un alto tasso di abbandono degli studi. Il Ministero dell’università e della Ricerca ha già stimato un calo del 20% delle immatricolazioni per il prossimo anno.

Ringraziamo per questo allarme, ma non possiamo non notare che proprio il Ministro Manfredi si è fatto di nebbia durante tutto il periodo del lockdown, salvo poi riapparire all’ultimo con l’annuncio di manovre minime ben lontane dalle misure necessarie. Tempi straordinari richiedono politiche straordinarie.

A livello regionale nessun fondo è stato stanziato per noi giovani, studenti e precari, mentre il Governo continua nella sua strategia “tante parole, niente fatti”. Noi non ci stiamo! Per questo, il 30 aprile, assieme a tante altre forze sindacali, sociali e di movimento, siamo andati sotto Palazzo Chigi portando le nostre rivendicazioni in una rumorosa conferenza stampa.

Ci stiamo organizzando per cambiare la situazione. Infatti, dopo la giornata di mobilitazione del 5 maggio, abbiamo ora lanciato una settimana di agitazione nazionale dal 25 al 31 maggio. Noi studenti non accettiamo il loro colpevole silenzio e continuiamo a far sentire la nostra voce. Partecipiamo, mobilitiamoci, organizziamoci!

Seguiteci nel gruppo Facebook “Assemblea diritto allo studio Marche - emergenza covid19” e sulla nostra nuova pagina “Coordinamento giovani studenti e precari Marche".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2020 alle 14:13 sul giornale del 21 maggio 2020 - 240 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, urbino, macerata, ancona, studenti, camerino, marche, comunicato stampa, coordinamento giovani studenti e precari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bl9P