Seggi elettorali in strutture extra-scolastiche, Ferraro (M5S): "Si può e si deve fare"

pierluigi ferraro 2' di lettura 03/08/2020 - I nostri ragazzi hanno perso troppe ore scolastiche in presenza, una recrudescenza invernale della Covid potrebbe mettere a repentaglio altre ore, per cui non possiamo permetterci di usare i plessi scolastici anche per questioni extra scolastiche, ad esempio come seggi elettorali per le elezioni regionali del 20 e 21 settembre.

Considerando che l'inizio delle elezioni è stato stabilito che sarà il 14 settembre, che significherebbe sanificare gli istituti prima dell'inizio delle lezioni, chiudere per santificare per le tornata elettorale del 20 e 21, i giorni successivi per risanificare e poi riaprire per il regolare svolgimento delle elezioni. Altre ore in presenza che verrebbero sottratte ai nostri ragazzi.

Motivo per cui la Regione ha previsto 1 milione di euro affinché le Amministrazioni comunali individuino altre strutture per il voto. Si può e si deve fare! Prima con una ricognizione delle strutture comunali, solo a titolo d'esempio gli impianti sportivi come palestre, poi se proprio non se ne ha a disposizione, penso in particolare ai piccoli Comuni dell'entroterra, rivolgersi ai privati che hanno immobili sfitti, visto il "riconoscimento ai Comuni di un contributo straordinario aggiuntivo pari a Euro 2.000 per ciascun plesso scolastico, precedentemente sede di seggio, non più a tal fine utilizzato per le consultazioni elettorali e referendarie", soldi destinati esclusivamente al reperimento di questi locali extrascolastici.

Comprendo le difficoltà ad ottenerne l'idoneità dei locali affinché si possano adibire a seggi, i tempi ristretti per poterli segnalare e certificare ma, prima lo facciamo prima avremo un problema risolto alle spalle anche perché è rimasto poco più di 1 mese e non ci si può ridurre all'ultimo momento, come accade a marzo con i Dirigenti scolastici quando, ancora era solo una ipotesi la chiusura delle scuole, mi feci per primo promotore a mezzo stampa verso Dirigenti scolastici che era il caso di elaborare un piano per attivare la didattica a distanza, avendo seguito le sorti dei miei nipoti lombardi dove già il 2 marzo alcune scuole avevano iniziato le lezioni online in diretta, con tanto di appello.

I soldi ci sono, i locali sfitti aime' tanti, quindi sollecito le amministrazioni a indicare al più presto alternative, se ce ne sono, per evitare un utilizzo scorretto dei plessi scolastici.


da Pierluigi Ferraro
Candidato Consigliere Regionale M5S





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2020 alle 14:37 sul giornale del 03 agosto 2020 - 457 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, elezioni regionali, candidato consigliere regionale, M5S, m5s marche, comunicato stampa, regionali marche 2020, pierluigi ferraro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsme





logoEV