Regionali, le proposte di ENPA e LAC sulle politiche per l’ambiente, la fauna selvatica e il benessere degli animali

2' di lettura 16/09/2020 - In vista delle imminenti elezioni regionali 2020, ENPA Marche e LAC Marche hanno inviato un documento propositivo ai candidati in consiglio regionale di tutte le forze politiche, chiedendo una loro adesione.

"Chiediamo agli elettori di scegliere tra chi ha sottoscritto il documento, dove si parla di tutela delle specie selvatiche, anche rigorosamente protette, ma anche di animali d’affezione, di montagna, del mare, delle politiche ambientali, dell’agricoltura”. Queste proposte sono concretamente realizzabili, semplicemente ritornando alla legalità. "Invitiamo quindi tutti i cittadini ad informarsi bene per poter prendere le distanze da chi sostiene il mondo venatorio, gli allevamenti intensivi, le politiche contro il benessere animale o semplicemente da chi manifesta disinteresse verso queste tematiche".

Ecco i candidati che hanno aderito al documento di ENPA Marche e LAC Marche:

- Mattia Morbidoni e Diletta Doffo - Rinascimarche (Ancona)
- Sandro Bisonni - Rinascimarche (Macerata)
- Prof. Fabio Taffetani - Dipende da noi (Macerata)
- Sabrina Paola Banzato - (Lista Vox Marche)
- Michela Polimanti (Movimento per le Marche)


“Purtroppo, in molti casi, non vi è stata alcuna risposta al nostro documento, ma auspichiamo che in queste ultime ore possano arrivare altre "sottoscrizioni". Troppo spesso abbiamo visto ignorati i pareri scientifici, le sentenze di Corte Costituzionale e Consiglio di Stato, soprattutto in materia venatoria e di controllo faunistico, dove in violazione della legge nazionale continuano ad essere impiegati illegittimamente “operatori” privati come i cacciatori, che ovviamente non sono interessati alla diminuzione delle prede e dove invece gli strumenti di prevenzione, anche sulla sicurezza stradale, per evitare gli attraversamenti di animali selvatici, vengono completamente ignorati". Inoltre, nel documento si chiede di dare applicazione alla Legge 281/1991, con iniziative di sterilizzazione dei cani, con una forte attenzione ai maltrattamenti che, ricordiamo, sono reati ai sensi del Codice Penale, ma anche con azioni di controllo sugli allevamenti e promozione di una cultura moderna e rispettosa dell’ambiente. “Un esempio per tutti, il rispetto per il mare: ancora oggi si vedono veri e propri scempi, dalla plastica in spiaggia fino alla “tortura” della piccola fauna, granchi, meduse, pesciolini catturati da bambini con la complicità dei genitori, a cui andrebbe spiegato che l’ecosistema marino merita protezione e che la vita degli animali non è un gioco.

In caso di ulteriori adesioni al nostro documento, scrivere a: faunaselvatica@enpa.org o a lacmarche@abolizionecaccia.it.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2020 alle 08:17 sul giornale del 16 settembre 2020 - 272 letture

In questo articolo si parla di attualità, elezioni, politica, marche, Enpa, elezioni regionali, lac marche, abolizione della caccia, comunicato stampa, regionali marche 2020, enpa marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bv9O





logoEV