...

La presenza nella coalizione di Gambini di un candidato, Mirco Toccacieli, che si ispira al razzismo del Ku Klux Klan (la terribile organizzazione razzista responsabile di orribili violenze e massacri nei confronti dei neri negli Usa), ed esalta la violenza nei confronti dei rom e degli islamici, deve spingere tutte le forze democratiche a una decisa condanna.




...

Un sindaco sull’orlo di una crisi di nervi interviene stamane (ieri), 1° Maggio, sulla stampa locale per rispondere alla mia segnalazione che le vittime assassinate dalla legione fascista “Tagliamento” non erano state ricordate il 25 Aprile, come sempre era avvenuto, con l’omaggio di una corona da deporre ai piedi dei cippi e sulla lapide dedicati alla loro memoria.



...

Mai avevo ascoltato un discorso telegrafico come quello del sindaco Gambini in occasione della Festa della Liberazione. Si percepiva l’ansia per il timore di una contestazione da parte di coloro che avevano aderito all’appello dei candidati a sindaco Demeli, Londei e Rosati di rimarcare la distanza fra i sostenitori di Gambini, poco numerosi e assiepati sotto il palco, e il resto della piazza antifascista che ha creato un vuoto importante ritirandosi compatta dopo l’intervento della Presidente dell’Anpi.


bianchi
Astucci Seven
Scopri tutte le ultime novità Seven, astucci, zaini e trolley...
Edizioni Vivere
Le tue notizie sui quotidiani Vivere
su http://vivere.biz/comunicatistampa trovi tutte le informazioni su come inviare comunicati stampa...
...

I candidati a sindaco Demeli (Sinistra per Urbino-Art.1 Mdp), Londei (Prospettiva Urbino-Nel Bene Comune- Moderati per Urbino - PSI - Uniti per Urbino), Rosati (Pd-Cut-Urbino al Centro), Anpi e Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione “E.Cappellini”si sono riuniti e per decidere le forme e le modalità di una protesta contro un sindaco che per avere i voti della Lega offende la memoria della Resistenza e le tradizioni democratiche della Città.




...

L’Italia di Matteo Salvini scivola sempre più a destra. Razzismo, omofobia, discriminazioni verso le donne, disprezzo verso ogni forma di diversità, “cattivismo” ostentato e arroganza dilagano, quasi a voler risarcire le frustrazioni e i rancori prodotti dalla crisi economica nei ceti medi e nelle periferie più degradate dove gli abitanti reagiscono scaricando la loro rabbia sugli immigrati e gli zingari.




...

Dunque Sgarbi e Gambini siglano un nuovo “Patto per la città”! Ci sarebbe da sorridere se non ci fosse di mezzo il dramma di una Urbino che muore e un patto già siglato 5 anni fa e clamorosamente tradito.



...

Il Consorzio Grotte di Frasassi, la Galleria Nazionale delle Marche/Palazzo Ducale di Urbino e il Comune di Urbino hanno siglato il patto per la promozione turistica dei reciproci territori. Una collaborazione che nasce proprio nei giorni in cui questi territori saranno protagonisti, il 2 e il 9 aprile, dell'importante trasmissione “Meraviglie” condotta da Alberto Angela in prima serata su Rai1.



...

“Ho appreso con grande dispiacere della scomparsa di Andrea Emiliani”, dice il sindaco di Urbino Maurizio Gambini. “Con la sua morte - prosegue il sindaco - viene a mancare un grande storico dell’arte, Medaglia d'oro della Cultura, Légion d'honneur, Accademico dei Lincei, ma soprattutto un appassionato difensore e promotore della cultura italiana."




...

Puntualmente si riaccendono le polemiche attorno alla presentazione del rapporto annuale sulla raccolta differenziata. E puntualmente il Sindaco scrive di cose che non conosce o che fa finta di non conoscere; ma quest’anno, a causa forse della campagna elettorale e che si somma alla atavica subalternanza che ha nei confronti di MMS che porta a questi risultati dannosi per i cittadini, è andato oltre:






...

Con la nuova ordinanza che stabilisce la chiusura dei locali e di ogni attività commerciale entro le 2 di notte il sindaco Gambini rivela ancora una volta la propria inadeguatezza amministrativa. Del tutto privo di una visione d'insieme, egli in piena campagna elettorale fa sfoggio di quella logica che lo ha caratterizzato: incentrata interamente sul divieto e la proibizione, mai sulla proposta.






...

Nel nostro paese stiamo assistendo ad una presa di coscienza di numerosi amministratori locali, sindaci di importanti città appartenenti a diverse formazioni politiche, da Palermo a Napoli, a Firenze, a Milano, a Pescara, a Livorno, a Parma e ad altri centri minori che hanno deciso di sospendere l’applicazione delle parti del Decreto Sicurezza del governo Salvini-Di Maio, che sono in modo evidente discriminatorie nei confronti degli immigrati richiedenti asilo, e/o di attendere chiarimenti sulle parti più controverse.