Vannucci: no ai tagli dell\'Eurostar a Fossato di Vico

stazione 2' di lettura 11/02/2009 - L’Onorevole Massimo Vannucci ha presentato una interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, e al Ministro dell’Economia, per chiedere se il Governo intenda intervenire presso Trenitalia, di cui è azionista, sia per evitare ulteriori soppressioni di fermate dei treni Eurostar a Fossato di Vico, sia per ripristinare le fermate nella cittadina umbra già cancellate tempo addietro.

Nella sua interrogazione, l’On. Vannucci ricorda che la tratta ferroviaria Rimini – Roma è fra le più problematiche della rete nazionale, per ritardi infrastrutturali e per carenza di servizio. Si ricorda inoltre che il collegamento della Regione Marche con il Tirreno, già proibitivo dal punto di vista viario, è aggravato da un collegamento ferroviario insufficiente e inadeguato ai tempi. Il recente avvio dell’alta velocità su altre tratte ferroviarie ha ulteriormente aggravato tempi e frequenze di collegamento nelle tratte Rimini-Roma.


“Fano -dice l’interrogazione- la terza città delle Marche, non ha più un collegamento diretto con Roma. I lavori di ammodernamento della stazione languono da anni, dopo il pesante ridimensionamento di Pesaro e di altre importanti stazioni. Le scelte di Trenitalia dell’ultimo periodo sono state tese a ridimensionare il servizio complessivo, per ‘investire’ su altre tratte”. Aggiunge Vannucci: “L’azione di soppressione di fermate più consistente si è registrata per la stazione di Fossato di Vico, in Umbria, e da notizie raccolte si starebbe pensando a un ulteriore ridimensionamento. (…) La decisione di soppressione di fermate è oltremodo inopportuna, perché la parte di territorio interessato comprende la zona dell’Umbria centrale, l’alta provincia di Ancona e il territorio dell’Alto Montefeltro (sino a Urbino e importanti località quali Cagli, Cantiano e Acqualagna) che non ha valide alternative viarie e si serve del treno per importanti servizi presenti, a partire dall’Università di Urbino e per l’offerta turistica.”


“Auspichiamo che il problema messo in evidenza dall’Onorevole Massimo Vannucci -dice il sindaco di Urbino, Franco Corbucci- possa essere affrontato dal Governo nazionale. L’interrogazione rivolta ai due ministri è infatti espressione delle esigenze di un gran numero di cittadini che risiedono nell’Italia centrale”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2009 alle 14:06 sul giornale del 11 febbraio 2009 - 834 letture

In questo articolo si parla di urbino, politica, comune di urbino, stazione





logoEV