Al via la 9° Conferenza Internazionale di Sociocibernetica

2' di lettura 23/06/2009 - Dopo Sud Africa, Spagna e Messico l’annuale appuntamento organizzato dalla Research Commitee 51 on Sociocybernetics dell’International Sociological Association arriva per la prima volta in Italia.

Il LaRiCA ha infatti accettato con entusiasmo l’incarico di organizzare l’appuntamento del 2009 presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. La 9° Conferenza Internazionale di Socio Cibernetica si svolgerà presso la Facoltà di Sociologia dell\'Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” dal 29 giugno al 5 luglio 2009. (presso Aula Sospesa in via Saffi, n.15).


La conferenza è un evento inedito in Italia per dimensione, tematiche e rilevanza dei relatori proposti. Il tema scelto è l’impatto dei social media sulla nostra società. Con il termine social media si fa riferimento a tutti quelli spazi della comunicazione supportati dalle recenti tecnologie internet che consentono di produrre e diffondere contenuti (testi, video, audio, etc.) in rete a costi contenuti.


L’abbassamento dei costi legati alla produzione e diffusione di questi contenuti ha democratizzato l’accesso alla comunicazione da uno a molti un tempo riservati ai professionisti del settore. La produzione spesso collaborativa di questi contenuti e l’esposizione ai contenuti prodotti dai pari sta cambiano la dieta mediale degli individui e incrinando i rapporti di potere consolidati all’interno della società (nelle famiglie, nelle scuole, fra imprese e consumatori, fra cittadini ed istituzioni, fra giornalisti e lettori).


Esempi di social media sono dunque i blog, YouTube e Facebook. ‘Modernity 2.0’, il titolo della 9° conferenza è dedicata a riflettere in una prospettiva socio-cibernetica su come e se la disponibilità di queste tecnologie sta cambiando le persone e la nostra società. La call for paper ha infatti attratto proposte di intervento provenienti da tutto il mondo.


Fra queste sono stati selezionati cinquantuno papers suddivisi poi nelle seguenti aree tematiche: “Cultura convergente e Pubblici connessi”, “Media, politica e potere”, “Metodologie emergenti”, “Studi di media comparati”.


Si ritroveranno ad Urbino ricercatori che studiano questo fenomeno provenienti da tutto il mondo: Messico, Armenia, Austria, UK, Lettonia, Svezia, Bolivia, Stati Uniti, Germania, Olanda, Canada, Spagna, Indonesia, Danimarca, Brasile, Argentina ed ovviamente Italia.


A completare il programma ci sono due ospiti invitati che nei loro rispettivi settori sono comunemente considerati fra i massimi esperti dalle rispettive comunità accademiche.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2009 alle 14:27 sul giornale del 23 giugno 2009 - 833 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, Università degli studi di Urbino \"Carlo Bo\"





logoEV