Associazione città e siti Unesco: presentato il nuovo logo

presentazione nuovo logo 4' di lettura 25/07/2009 - A Urbino, presso il Museo della Città (via Valerio, 1), è stato presentato al pubblico il nuovo logo dell’Associazione Città e Siti italiani Patrimonio Mondiale Unesco, di cui la Città di Urbino è socio e componente del Comitato Direttivo.

Il Presidente Claudio Ricci, Sindaco di Assisi, eletto al vertice dell’organizzazione la scorsa primavera, ha illustrato le linee guida dei programmi tramite cui l’Associazione Città e Siti italiani Patrimonio Mondiale Unesco, sta lavorando per valorizzare in modo sempre più incisivo il patrimonio culturale italiano.

Queste sono le linee Programmatiche 2009-2011 espose da Claudio Ricci a Urbino.

1.Sollecitare un maggiore “finanziamento” della Legge 77/2006 nella quale presentare e attuare (quelli già approvati: Stand per Fiere, Guida per Ragazzi, Guida Culturale e Turistica, dal Sito Web a Portale Internet, Mostra Fotografica, Osservatorio) anche progetti congiunti come Associazione; chiedere un “chiarimento” della Legge 77/2006 per inserire i “Beni Immateriali (verificarne l’opportunità); nel quadro legislativo delle Regioni e dell’Unione Europea (Fondi Strutturali) proporre una “Legge-Raccomandazione” per i Siti; verificare forme di “raccolta fondi” da destinare ai Siti; proporre forme di “defiscalizzazione” per i privati che “sostengono” i Siti UNESCO italiani.

2.Visitare (biennio 2009-2011) i Siti italiani, organizzando, nei luoghi, una presentazione e/o un comitato presidenza/direttivo/assemblea; far iscrivere nell’Associazione i “Beni Immateriali”; promuovere 3 “Seminari” (tre relatori ciascuno) al Nord, Centro e Sud su: Economia e Beni Culturali-Ambientali, Il Valore del Marchio UNESCO e i Beni Immateriali-Diversità Culturali; incontri “bilaterali” fra i Siti di Nazioni (2010 Italia-Spagna, 2011 Italia-Francia); richiesta per essere inseriti come “Osservatori” nel Comitato del Patrimonio Mondiale (da Siviglia 2009); progettazione dell’Osservatorio sui Siti UNESCO; iniziativa e/o convegno sui Siti (41) della “Lista dei Tentativi”.

3.Rendere “operative-connesse” le Sedi di: Ferrara (Segretariato Permanente), Presidenza (Assisi), Firenze (Commissione Tecnico-Scientifica), Roma (FederCulture) e Noto-Tivoli (Vice Presidenze e Riferimento); con il Portale Internet (in progetto) “connettere” tutti i Siti (Sedi).

4.Ampliare la “tiratura” della rivista Siti (sino 15-20.000 copie, entro il 2011, e con versione in inglese e su Web), con Sponsor istituzionali, implementando la “rete di distribuzione” (includere “rubrica permanente” sul Turismo nei Siti e nei luoghi culturali-ambientali); distribuire, su scala nazionale, il Book “Luoghi Italiani Patrimonio Mondiale” (Feltrinelli, Minerva, Electa-Mondadori, ecc., sino a 10.000 copie); Premio annuale Siti UNESCO (con la Rivista) settori: scuola, scienza, cultura e media-tv.

5.Su SKY, o altra “piattaforma”, (30 miniti al giorno) attivare “Siti UNESCO Channel” (e/o Web TV), coinvolgendo, nel progetto, il Centro del Patrimonio Mondiale UNESCO di Parigi; sollecitare (Presidenza Consiglio dei Ministri) Spot Televisivi “istituzionali” (RAI) sui Siti e coinvolgere le Radio Private; realizzare un Documentario (Scuola RAI e/o FederCulture), di 30 minuti, adottando come “copione” le motivazioni del riconoscimento; Portale Internet “interconnesso” con Siti-utenti Web.

6.Promuovere e Commercializzare “prodotti turistici” legati ai Siti UNESCO italiani anche con Alpitur: Catalogo e “Pacchetto” WBox; promuovere una “Borsa Turistica” dei Siti; proporre una Guida Culturale edita e distribuita dal Touring Club Italiano.

7.Organizzare una Mostra “l’Arte dei luoghi UNESCO” (integrata con quella fotografica) che includa una “Opera rappresentativa (o una copia ad alta risoluzione) delle motivazioni del riconoscimento UNESCO”, per ciascun Sito “Patrimonio Mondiale”, e un Catalogo (ACRI, Ass. Casse Risparmio Ita.).

8.Giornata/e del Patrimonio Mondiale UNESCO (18 Aprile di ogni anno): ogni Sito una iniziativa e attività di promozione in Italia e all’Estero (richiesta di finanziamento già inoltrata alla ARCUS S.p.A. con Mecenate 90); proporre al Ministero dell’Istruzione “un’ora all’anno sui Siti” e Attività (elementari, medie, superiori, anche attraverso Progetti Offerta Formativa); Concorsi a Premi per le Scuole al fine di promuovere la conoscenza del Patrimonio UNESCO; Master itinerante “Modelli di Gestione del Patrimonio Italiano”; promozione del Patrimonio italiano e all’Estero, attraverso i Siti UNESCO (Ministero Beni Culturali e Ministero degli Esteri: i Siti all’Expo Universale Shanghai e Milano).

9.Ridefinire il Marchio Città e Siti Italiani UNESCO; verificare (dal 2012) la trasformazione in Fondazione; individuare Società “istituzionali” per attività di Co-Marketing (Cento Stazioni, Compagnia Aerea Italiana, Autostrade-Aiscat, ENAC-AssoAeroporti; Autogrill, Sole 24 Ore, Hotel Domani, Poste Italiane, FAI, Federalberghi, ecc.) e Agenzie “reperimento sponsor” per progetti ed eventi.

10.Marchendising (con il nuovo Marchio Siti UNESCO): puzzle (nel catalogo Clementoni), spilla-medaglia (Istituto Poligrafico Zecca dello Stato), guidoncino-bandiera, album figurine (Panini), bustine di zucchero, orologi (Swatch), penne, calendario (foglio unico con “immagine artistica”: Ugo Nespolo), cravatte-foular, “chiavi” memoria computer, porta telefoni-oggetti, Varie.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-07-2009 alle 19:30 sul giornale del 25 luglio 2009 - 1321 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, comune di urbino, unesco





logoEV