L\'appello delle associazioni contro l\'abusivismo: un mercato parallelo che alimenta l\'illegalità

venditori abusivi 2' di lettura 27/07/2009 - Intervento di Amerigo Varotti Direttore Provinciale Confcommercio e Roberto Borgiani Direttore Provinciale Confesercenti.

Il fenomeno dell’abusivismo commerciale non accenna a diminuire, e anzi, in questi giorni di intenso afflusso turistico si sta ampliando a macchia d’olio, sia nei centri cittadini, sia lungo i tratti costieri di tutto il territorio provinciale. Questo, nonostante le riunioni promosse dalla Prefettura di Pesaro e Urbino alla presenza di forze dell’ordine, enti pubblici e associazioni di categoria, le iniziative –pur meritevoli- che ne sono seguite e gli impegni presi nell’occasione. Basta guardare quello che accade lungo le spiagge dove, ogni giorno, si moltiplicano venditori abusivi sempre più numerosi e meglio organizzati -nel litorale di Pesaro, addirittura, ci è stato segnalato l’allestimento di un vero e proprio tendone- ma il fenomeno sta prendendo piede anche all’interno dei mercati ambulanti, a Pesaro come a Fano, così come sempre più numerosi sono coloro –spesso extracomunitari- che entrano nei negozi o nei ristoranti per proporre prodotti di ogni tipo, dall’accendino, al libro, dal giocattolo, al fiore.



Non è un caso che certi comparti come quello della pelletteria, dell’abbigliamento, della piccola elettronica e della bigiotteria facciano fatica ad andare avanti: oltre alla contrazione dei consumi, questi settori devono fare i conti con la concorrenza vera dei tanti prodotti contraffatti messi in vendita a prezzi irrisori e, quindi, con un vero e proprio mercato parallelo, che schiaccia progressivamente il commercio regolare, alimentando per altro il diffondersi dell’illegalità.



A tal proposito, lanciamo un appello a tutti gli organi di vigilanza –a partire dalla Polizia Municipale e dalla Guardia Costiera- perché siano intensificati i controlli sul territorio soprattutto in questi giorni di massima presenza turistica, al fine di arginare un fenomeno che non solo è fuori legge, ma crea particolare disagio, sia agli operatori sia ai cittadini. Sollecitiamo, quindi, la severa applicazione delle normative in materia di abusivismo che prevedono oltre al sequestro della merce, anche i dovuti controlli sui soggetti –spesso presenti irregolarmente nel territorio- che praticano tale attività.


Amerigo Varotti Direttore Provinciale Confcommercio

Roberto Borgiani Direttore Provinciale Confesercenti






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-07-2009 alle 15:55 sul giornale del 27 luglio 2009 - 1007 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, Confcommercio Pesaro ed Urbino


logoEV
logoEV