Alla scuola media Volponi l\'innovazione è in classe

scuola 2' di lettura 03/09/2009 - Con l\'inizio  del nuovo anno scolastico, il Piano per la diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali, promosso dal MIUR, entrerà nella sua fase più operativa.

Le scuole secondarie di I grado che a gennaio hanno scelto di partecipare all\'iniziativa potranno utilizzare la tecnologia con gli studenti. In The New Millenium Learner: Challenging our Views on ICT and Learning, pubblicato nel 2006, l\'OCSE definisce New Millennium Learners la generazione di studenti nati a partire dagli anni \'80 e cresciuti da media digitali. Ripensare la scuola per i millennials, secondo l\'OCSE, implica una integrazione maggiore delle tecnologie digitali nell\'ambiente di apprendimento in favore delle aspettative e delle abilità cognitive delle giovani generazioni.


Ed è sempre nell’ottica dell’attenzione ai nuovi processi che l’Istituto “Volponi” di Urbino ha chiesto e ricevuto, come altre tre scuole della Provincia candidate in qualità di sedi di formazione, quattro Lavagne interattive multimediali, che consentiranno ai nostri studenti delle classi della Scuola Secondaria di I grado e delle classi terze, quarte e quinte della Scuola Primaria dell’Istituto, di avvalersi della presenza delle LIM. La Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) svolge un ruolo chiave per l’innovazione della didattica: è uno strumento “a misura di scuola” che consente di integrare le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione nella didattica in classe e in modo trasversale alle diverse discipline. Può essere vista come una finestra che permette di abbattere l’isolamento della classe rispetto al mondo esterno favorendo un arricchimento in termini di codici comunicativi e nuovi linguaggi, estendendo l’ambiente di apprendimento, sotto la guida e la mediazione didattica del docente, a strategie per scoperta, contesti di problem-solving e metodologie collaborative da sviluppare con l’apporto di risorse digitali, software appositamente progettati e il collegamento diretto al mondo di Internet.


I vantaggi della LIM riguardano, ad un primo livello, l’organizzazione e lo svolgimento della lezione frontale e sono legati soprattutto alla possibilità di memorizzare il testo della lezione, implementare continuamente la qualità del contenuto e delle risorse a propria disposizione, scambiare materiali con altri docenti, reperire contenuti digitali presso librerie e repository locali od online. In questa ottica l’uso della LIM può arricchire e rendere più efficace l’esposizione grazie alle potenzialità in termini di interazione, multimedialità e connettività, permettendo allo stesso tempo al docente di lavorare nell’ottica di un continuo miglioramento della progettazione, pianificazione e organizzazione dell’intervento didattico. Un altro passo importante, dunque, per un Istituto che da anni si è caratterizzato per l’innovazione tecnologica e la sperimentazione didattica, investendo sui laboratori multimediali, utilizzati anche da Enti ed Istituzioni della città e stranieri, e sulla formazione dei docenti nella didattica laboratoriale. Gli Organi Collegiali dell’Istituto esprimono, dunque, grande soddisfazione per questo ulteriore e significativo percorso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-09-2009 alle 16:03 sul giornale del 03 settembre 2009 - 1691 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, urbino, comune di urbino


logoEV
logoEV