Tornano a volare i rapaci salvati dal Cras

Falco 1' di lettura 10/09/2009 - Hanno seguito il programma di riabilitazione nella “clinica” del Cras (Centro recupero animali selvatici) della Provincia. Ora sono pronti a schiudere di nuovo le ali e a ritrovare il loro habitat naturale.

Sono i 12 uccelli rapaci (5 gheppi, 2 poiane, 3 civette e 2 assioli) che venerdì 11 settembre, alle ore 15.30, saranno rilasciati a Cà Girone di Urbino, all’interno dell’oasi faunistica “La Badia”.


Ad accompagnare il volo simbolico verso la libertà anche il presidente Matteo Ricci e l’assessore all’Ambiente Tarcisio Porto, insieme al personale coinvolto nelle attività di recupero dei volatili. \"La nostra attività – spiega il coordinatore del Cras Lamberto Feduzi – comprende la raccolta delle carcasse di animali deceduti nei sinistri stradali. Ma anche il recupero di capi di selvaggina e rapaci incidentati o colpiti da anomalie fisiche\". Che vengono trasferiti da veterinari e specialisti per le cure necessarie e tornano al Cras per la riabilitazione definitiva.


\"Dallo scorso aprile ad oggi – continua – sono stati reinseriti nell’ecosistema 47 rapaci, 30 gabbiani e 90 capi di minuta selvaggina\". Le attività di recupero della struttura prevedono il coinvolgimento di numerosi volontari coordinati dalla Provincia, in collaborazione con l’Osservatorio faunistico regionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-09-2009 alle 14:13 sul giornale del 10 settembre 2009 - 2142 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Provincia di Pesaro ed Urbino, falco


logoEV
logoEV