Estendere il sito Unesco di Urbino ad altre eccellenze del territorio: la proposta al Ministero

davide rossi 2' di lettura 26/11/2009 - Ha trovato ampi consensi da parte del Ministero dei Beni culturali e della Regione Marche la proposta della Provincia di estendere il sito Unesco della città di Urbino ad altre eccellenze culturali strettamente legate alla storia del Ducato dei Montefeltro e dei Della Rovere, a partire dalle rocche di Francesco di Giorgio Martini, veri gioielli dell’architettura militare.

In un incontro tecnico svoltosi a Roma, il responsabile dell’Ufficio lista Unesco Manuel Guido , il direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici delle Marche Paolo Scarpellini , i funzionari delle Soprintendenze di settore ed Alberto Mazzacchera in rappresentanza dell’assessore regionale alla Cultura Vittoriano Solazzi, hanno espresso al vice presidente della Provincia Davide Rossi il loro apprezzamento al riguardo.


“Il mio obiettivo – spiega Davide Rossi, che ha anche la delega alla Valorizzazione dei beni storici e artistici – è quello di fare del territorio provinciale un vero e proprio ‘distretto culturale’, con al centro Urbino, capitale internazionale dell’arte e della cultura. Un distretto capace di promuovere unitariamente città e borghi storici, musei e teatri, siti archeologici e paesaggio, eccellenze agroalimentari e tradizioni locali”. Una “infrastruttura culturale” dunque, articolata su due livelli entrambi incentrati su Urbino (sito Unesco allargato ad alcuni prestigiosi monumenti e valorizzazione dell’intero territorio con le sue bellezze), che potranno rafforzarsi a vicenda “allo scopo - prosegue l’assessore - di dare maggiore visibilità nazionale ed internazionale al territorio ed un maggiore slancio all’economia immateriale, legata al patrimonio culturale e ambientale, che nessuno per fortuna può delocalizzare. Questa economia immateriale può e deve creare ricchezza anche in termini di offerta turistica integrata, capace di uscire dal ‘mordi e fuggi’ che caratterizza in gran parte il turismo urbinate e non solo”.


Da qui la certezza che il sindaco di Urbino e l’intera città siano pronti ad unirsi alla Provincia “in questo percorso che vale la pena di portare fino in fondo, con slancio ed entusiasmo, perché insieme possiamo cogliere nuove opportunità di crescita per un territorio che non ha nulla da invidiare ad altre zone del Bel Paese ben più note nell’immaginario del turismo internazionale”.






Questo è un articolo pubblicato il 26-11-2009 alle 16:11 sul giornale del 27 novembre 2009 - 1014 letture

In questo articolo si parla di italia dei valori, pesaro, Provincia di Pesaro ed Urbino, davide rossi


logoEV
logoEV