Leo Gullotta a teatro con Pirandello

leo gullotta 3' di lettura 22/01/2010 - Urbinoinscena 09.10, la stagione del Teatro Sanzio di Urbino realizzata nella collaborazione consolidata e pluriennale fra assessorati alla cultura e al turismo del Comune di Urbino e Amat e con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Marche, prosegue martedì 26 e mercoledì 27 gennaio (mercoledì fuori abbonamento) con Leo Gullotta in Il piacere dell’onestà. Prodotta dal Teatro Eliseo e allestita con la regia di Fabio Grossi, è questa una delle opere più note di Luigi Pirandello di cui ripropone il tema dell’uso della maschera come strumento per far fronte alle convenzioni del perbenismo.

Dopo Urbino Il piacere dell’onestà sarà al Teatro Lauro Rossi di Macerata il 28 e 29 gennaio e al Teatro dell’Aquila di Fermo il 30 e 31 gennaio (informazioni e biglietti 071 2072439, www.amat.marche.it). Dopo L’uomo, la bestia e la virtù con cui Leo Gullotta aveva ottenuto uno straordinario successo di critica e di pubblico, 95.000 presenze in tutta Italia nei tre anni di tournée e la candidatura come miglior attore protagonista ai Premi Olimpici del Teatro 2008, torna ad affrontare con Il piacere dell’onestà un altro testo dello scrittore siciliano. La commedia porta in scena uno dei temi cari a Pirandello: l’onestà, una scelta ponderata e voluta da Leo Gullotta che affronta l’opera con lo stesso gruppo artistico del precedente spettacolo. Messa in scena per la prima volta il 27 novembre 1917 da Ruggero Ruggeri con la sua compagnia nel teatro Carignano di Torino, Il piacere dell’onestà, il cui disegno drammaturgico è tratto dalla novella Tirocinio del 1905, racconta di Angelo Baldovino, uomo fallito e di dubbia moralità, che accetta solo per il piacere dell’onestà di sposare Agata, ragazza di buona famiglia che aspetta un bambino da un uomo maritato, il rispettabile marchese Fabio Colli.


“Onestà, parola di grande effetto per il periodo in cui Pirandello concepì la sua opera, parola di lacerante contesto in questa nostra travagliata epoca – scrive il regista Fabio Grossi - dove prodotti e momenti di vita vissuta vengono modificati in maniera cangiante e definente, sull’orlo di un dramma che si pone di fronte all’eterno aut aut di una società alla ricerca di un’equa liceità. Per questo l’elaborazione da me curata, elimina tutti quei termini che oggi giorno risulterebbero obsoleti e poco rapportabili ad una situazione di verità. Proprio questa verità, sarà il veicolo per comunicare quello che il pensiero pirandelliano ha voluto trasmettere nell’epoca del suo essere concepito. Nella visione pirandelliana, il nostro protagonista nell’indossare il costume dell’Onesto, adotta il colore del diverso, in una fauna di anime mostruose, e la condotta morale del Baldovino diventa da questo momento inattaccabile e questi si chiude dentro la propria onestà sfidando convenzioni sociali ed egoismi personali.” Accanto a Gullotta, nel ruolo di Angelo Baldovino, Martino Duane, Paolo Lorimer, Mirella Mazzeranghi, Valentina Beotti, Antonio Fermi, Federico Mancini e Vincenzo Versari. Le scene e i costumi sono di Luigi Perego, le musiche di Germano Mazzocchetti e le luci di Valerio Tiberi.


Per informazioni e biglietti: Teatro Sanzio tel. 0722 2281. Inizio spettacolo ore 21.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-01-2010 alle 14:34 sul giornale del 23 gennaio 2010 - 1209 letture

In questo articolo si parla di teatro, attualità, amat marche





logoEV
logoEV