Seminario di Enzo Carli all'Università degli studi di Urbino

enzo carli 3' di lettura 09/04/2010 - La fotografia nella pratica della comunicazione. Estetica e funzione di una immagine media è il titolo del seminario che Enzo Carli terrà martedì 13 aprile presso la facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, Corso di laurea in Design della Moda. Presentando il seminario, Galliano Crinella, presidente del Corso di laurea, ha illustrato il ruolo centrale del lavoro fotografico per l’affermazione dei prodotti della Moda ed ha sintetizzato i contenuti del seminario, che comprenderà due parti.

Nella prima verrà affrontato il rapporto tra moda e fotografia dagli albori alla contemporaneità, con attenzione al ruolo e alla funzione del medium fotografico ed evidenziando l’apporto di alcuni maestri dell’arte fotografica; la seconda parte svilupperà il tema della composizione fotografica, con particolare attenzione agli strumenti dell’espressione. Nell’occasione verranno altresì presentati due brevi video d’autore, il primo sul recente lavoro ”Archeologia dei sentimenti”, presentato da Carli a Venezia e a Parigi nel 2009, e successivamente nel maggio 2010 all’Università di Reggio Emilia; il secondo su “Sospiri - Stati di calma apparente”, riproposto, in versione aggiornata e in anteprima durante il seminario stesso.



Breve Curriculum vitae di Enzo Carli

Enzo Carli, giornalista e sociologo, affettuoso allievo di Mario Giacomelli, ha sempre alternato la pratica di fotografo con lo studio e la ricerca sulla cultura fotografica. Teorico della comunicazione per immagini - è tra gli estensori del Manifesto Passaggio di Frontiera, 1995 - ha esposto in numerose personali e collettive di fotografia, in Italia e all’estero, organizzando e presentando mostre, dibattiti e convegni. Al suo attivo ha numerose pubblicazioni e saggi con importanti editori tra cui Charta, Fabbri, Alinari, Gribaudo, Il Lavoro Editoriale. Già docente di Sociologia della fotografia e di Comunicazione per immagini presso Università e Istituti superiori, nonché professore di Comunicazione presso l’Istituto superiore di Cibernetica di S. Marino, ha collaborato come esperto e consulente con numerosi Enti pubblici e privati, tra cui la Repubblica di San Marino, la Biblioteca Nazionale di Francia e il Metropolitan Museum di Fotografia di Tokyo. Nel 2002 è stato direttore artistico del primo progetto Europeo di fotografia ”Human Work”, realizzato dai partner Italia, Spagna, Germania e Romania.


Nel 2008 / 20099 è stato coordinatore scientifico di alcuni woork-shop realizzati in occasione del “Progetto giovani” del Comune di Senigallia, con Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna, Giovanni Chiaramonte, Nino Migliori, Cesare Colombo, Piergiorgio Branzi. Nel 2008 ha esposto nella collettiva dei fotografi del Passaggio di Frontiera, al Museo della Fotografia di Caltagirone e nel Museo della Fotografia di Senigallia. Nel 2009, invitato da Ziva Kraus, ha esposto la serie Archeologia dei sentimenti a Venezia, all’Ikona Gallery, presentata poi da Jean Claude Lemagny a Parigi (Saint-Nome de la Bréteche). Nel gennaio del 2010, invitato come ospite dallo storico club fotografico la Gondola di Venezia, ha presentato in anteprima il video della serie "Sospiri - Stati di calma apparente".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2010 alle 17:58 sul giornale del 10 aprile 2010 - 1288 letture

In questo articolo si parla di cultura, fotografia, urbino, mario giacomelli, enzo carli, Università degli studi di Urbino "Carlo Bo"





logoEV