Coldiretti: oltre cento pecore sbranate dai lupi, occorre intervenire

Coldiretti 2' di lettura 30/09/2010 -

Oltre un centinaio di capi uccisi, attacchi continui, tensione alle stelle. E’ quanto sta accadendo tra Urbinate, Montefeltro e zona del Monte Nerone - Catria dove, denuncia la Coldiretti Pesaro Urbino, gli allevamenti stanno subendo un vero e proprio assedio da parte dei lupi.



“Siamo ormai esasperati poiché le incursioni sono diventate quotidiane ed è diventato impossibile portare al pascolo le greggi senza un costante controllo - spiega Emilio Spada, imprenditore di Sassocorvaro che produce formaggio e delegato regionale dei giovani della Coldiretti -. Tra l’altro la cosa preoccupante è che i lupi sembrano non avere ormai più paura neppure della presenza dell’uomo”.

Da una ricognizione tra le varie aziende della zona, il conto degli animali uccisi ha superato il centinaio, ma i risarcimenti non coprono che parte del danno. Spesso gli allevatori non presentano neppure la richiesta, sia a causa dei costi burocratici, sia perché spesso gli animali uccisi vengono trascinati via e in mancanza della carcassa non è possibile ottenere il rimborso. Senza dimenticare che in nessun modo sono riconosciuti i danni che gli attacchi portano alle altre pecore, dagli aborti alla perdita di latte.

“Una situazione difficile che sta alimentando una tensione crescente nelle zone dell’interno che rischia di esplodere da un momento all’altro – sottolinea il presidente di Coldiretti Pesaro Urbino, Tommaso Di Sante -, occorre dunque una soluzione immediata per non pregiudicare la presenza di attività economiche che rappresentano in quelle zone un motore di sviluppo importante per il territorio”. Il problema dei danni causati dagli animali selvatici continua, infatti, a rappresentare una minaccia per le imprese agricole pesaresi e ad oggi è rimasto irrisolto. Da qui la necessità di una serie di provvedimenti, da una politica di prevenzione alla possibilità di incentivare opere di protezione delle greggi, dai recinti alla presenza di cani da difesa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2010 alle 16:31 sul giornale del 01 ottobre 2010 - 711 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/cLj





logoEV
logoEV