Sant'Angelo in Vado: Coldiretti, con Luzi le Marche entrano nella giunta del Cnel di Marzano

Giannalberto Luzi 2' di lettura 05/11/2010 -

Giannalberto Luzi, imprenditore agricolo di Sant’Angelo in Vado e presidente di Coldiretti Marche, è stato eletto nel Comitato di Presidenza (la giunta) del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro.



La nomina è stata ufficializzata nel corso della seduta del Consiglio svoltasi a Roma, a Villa Lubin. Luzi è l’unico rappresentante dell’agricoltura tra i dieci componenti dell’organismo, presieduto da Antonio Marzano e composto selezionando tra i cento rappresentanti del mondo del lavoro nominate dal Presidente della Repubblica. Il presidente della Coldiretti regionale è anche il solo marchigiano presente all’interno del Cnel. “L’obiettivo è portare all’interno del Consiglio le linee guida del progetto di Coldiretti per una filiera agricola tutta italiana e, con esso, i valori di trasparenza, di legame col territorio, di tutela dei cittadini e, più in generale, di inclusione che ci sono propri – commenta Giannalberto Luzi -. Un progetto che non è settoriale ma dell’intera società”.

“La nomina di Luzi all’interno della giunta del Cnel è un riconoscimento per tutta l’imprenditoria marchigiana - aggiunge il direttore di Coldiretti Marche, Alberto Bertinelli – oltre che per un settore che può contribuire in maniera decisiva al rilancio della nostra economia”. Previsto dall’articolo 99 della Costituzione Italiana, il Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro è l’organo di consulenza delle Camere e del Governo. Ha l'iniziativa legislativa e può contribuire alla elaborazione della legislazione economica e sociale secondo i principi ed entro i limiti stabiliti dalla legge. Il Consiglio ha una durata di 5 anni. Al suo interno la Coldiretti ha la maggioranza assoluta della rappresentanza agricola con cinque consiglieri, proprio grazie al recente ingresso dell'imprenditore di Sant'Angelo in Vado e all'aumento del peso in termini numerici e di rappresentanza dell'organizzazione.

Laureato in Lettere classiche, Giannalberto Luzi insegnava alle superiori prima di assumere la gestione dell’azienda di famiglia, avviando l’allevamento di razza Bovina Marchigiana. E’ stato presidente nazionale del Consorzio 5R per la valorizzazione delle carni bovine e delle razze bianche pregiate e, dal 1988 al 2002, della Bovinmarche, con la quale ha avviato il primo sistema elettronico di tracciabilità della carni “dalla stalla alla tavola”. Dal 2001 è presidente regionale di Coldiretti Marche, mentre dal 2000 al 2001 e dal 2005 al 2009 ha ricoperto anche la carica di presidente di Coldiretti Pesaro Urbino.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2010 alle 18:43 sul giornale del 06 novembre 2010 - 1159 letture

In questo articolo si parla di attualità, giannalberto luzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d6t