'Ville e Castella' fa il pieno di numeri e consensi

Festival "Ville e Castella" 2' di lettura 18/07/2011 -

Si è chiuso il festival culturale della Provincia dedicato alla spiritualità. Davide Rossi: "Grande riscontro, continueremo a investire nella manifestazione".



Una formula vincente. E un format che ha convinto. "Ville e Castella, festival dello spirito e delle cose nelle terre della provincia", chiude l’edizione 2011 con il pieno di numeri, presenze e consensi.

Non può che essere soddisfatto il vicepresidente della Provincia e assessore alla Cultura Davide Rossi: "Oltre 1600 persone, complessivamente, hanno partecipato alle conferenze e 4mila agli spettacoli teatrali e ai concerti – evidenzia -. Abbiamo voluto caratterizzare la manifestazione con una linea e una dimensione spirituale: è stato davvero un successo". Non solo: "Ville e Castella – continua Rossi – è ormai diventato un prezioso veicolo di promozione del territorio. E anche quest’anno ci ha permesso di riscoprire il nostro patrimonio culturale, valorizzando borghi, abbazie, monasteri, luoghi sacri e scenari naturali troppo spesso dimenticati".

Un’iniziativa, dunque, da sostenere anche in futuro: "Continueremo a investire nel festival – aggiunge il vicepresidente - perché abbiamo visto che muove numeri assolutamente rilevanti, sia dal punto di vista culturale che turistico. Il riscontro del pubblico è stato entusiasmante, anche nei giorni feriali. Gettonati, ovviamente, i grandi appuntamenti, da Piergiorgio Odifreddi a Franco Cardini. Ma anche gli eventi di nicchia hanno visto una grande partecipazione".

Un festival, per citare lo slogan, che "inizia dove finisce l’asfalto": "Abbiamo voluto indicare un percorso – conclude Rossi – contrassegnato da una esplicita attenzione per la ricerca di senso, di risposte, di prassi, di esperienze e conoscenze che occupano sempre più spazio nella vita di chi ama porsi “domande”. Finalmente ci si accorge che lo spirito è sempre più una necessità pragmatica e la partecipazione registrata dal festival lo conferma. Un ringraziamento va agli organizzatori. In particolare, per il prezioso contributo, a Nino Finauri, Andrea Belacchi e Paolo Frigerio".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-07-2011 alle 16:26 sul giornale del 19 luglio 2011 - 689 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, provincia di pesaro e urbino, provincia pesaro urbino, davide rossi, ville e castella, pesaro e urbino, obelisco nero

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ntY





logoEV
logoEV