Radicali, 'Ricci si occupi della qualità dell'aria della propria Provincia'

polveri sottili 1' di lettura 26/07/2011 -

Il Presidente della Provincia di Pesaro e Urbino propone di creare la “bandiera trasparente”, una sorta di certificazione scientifica, a livello nazionale, per la qualità dell'aria, salubrità e benessere. La dichiarazione di Matteo Mainardi, Presidente Radicali Marche.



I requisiti per ambire alla bandiera trasparente, continua Ricci, saranno valutati in base a parametri come ozono, biossido di azoto, benzene, polveri sottili, inquinamento acustico, elettromagnetico e luminoso, ma anche livelli di raccolta differenziata, ampiezza della forestazione, presenza di energie alternative, educazione ambientale e indicatori riferiti all'epidemiologia, tra cui allergie e patologie asmatiche della popolazione.

Quello che da Radicali vogliamo ricordare al Presidente Matteo Ricci, pur riconoscendo l'importanza di questa “bandiera” nella promozione della salubrità ambientale, è che in città come Pesaro le centraline di rilevamento di inquinanti atmosferici si trovano all'interno di parchi – in questo caso il Parco Scarpellini -, quindi in mezzo al verde e lontano da strade trafficate.

Queste situazioni portano ad una falsificazione dei dati che il Presidente Ricci dovrebbe iniziare ad estirpare per occuparsi, come da mandato, della propria Provincia piuttosto che del territorio nazionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2011 alle 17:59 sul giornale del 27 luglio 2011 - 546 letture

In questo articolo si parla di attualità, polveri sottili, inquinamento, Radicali Marche, matteo mainardi, inquinamento pesaro





logoEV
logoEV