Operazione 'Nummus': periziato il materiale archeologico sequestrato, confermata l'autenticità

Fiamme gialle di Pesaro, maxi-sequestro di materiale storico e archeologico per 3 milioni di euro 2' di lettura 22/11/2011 -

Gli ulteriori approfondimenti eseguiti sulle monete, anfore e documenti storici, sequestrati dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Pesaro, hanno permesso di classificare il materiale rinvenuto nel corso delle perquisizioni eseguite, in Pesaro, Urbino, Fano, Tavullia, Gabicce Mare e Cattolica, nei confronti dei 9 soggetti denunciati.



I periti nominati dalle Procure della Repubblica di Pesaro e Urbino hanno confermato l’autenticità dei beni sottoposti a sequestro.

L’interesse storico e archeologico di cui all’art. 10 del D.L.vo n. 42/2004 è riconducibile, infatti, oltre alle 1.706 monete di epoca romana medievale e greca, alle 5 anfore, ai 46 fossili, al mortaio e a 9 monili, anche ai documenti storici, pergamene, editti e banconote risalenti al 1700/1800.

Al riguardo, si evidenzia che la classificazione e la perizia effettuata sui documenti ha consentito di appurare che alcuni degli stessi sono riconducibili a Pubbliche Amministrazioni o archivi Ecclesiastici risalenti al 1700/1800 tra cui: lettere della Delegazione Apostolica di Pesaro e Urbino a firma del Consultore Filippo RUFFINI GANGANELLI, lettere della Comunanza di Orzaiola, lettere della Congregazione Annanoria di Forlì, lettere della Congregazione del Santissimo Sacramento di Perchiule, lettere dell’Archivio Diocesano San Pietro in Piano ed Annesso di San Martino e lettere indirizzate a Papa Innocenzio XIII.

Inoltre, il sequestro ha interessato banconote risalenti alla Repubblica Romana 1779, editti, dispense e notificazioni risalenti al 1700/1800 riconducibili al Delegato Apostolico di Pesaro, al Governo Provvisorio delle Province Unite Italiane datato 1831, al Tesoriere della Reverenda Camera Apostolica, al Banco di Santo Spirito della Pietà, al Banco di Santo Spirito di Roma, alla Repubblica Romana, Paoli II, VII, IX e X, alla Cancelleria di San Lorenzo in Campo, al Cardinale Ruffo Legato di Bologna, al Cardinale Legato Boncompagni Ludovisi di Bologna, al Cardinale Legato Spinola di Bologna, al Cardinale Camerlengo, alla Congregazione della Carità di Urbino, alla Congregazione della Carità di Fano, nonché n. 1 messale in lingua latina risalente al XVIII secolo riportante la lettera dedicatoria indirizzata a PAPA URBANO XVIII BARBERINI.

Le Fiamme Gialle di Pesaro invitano la cittadinanza e gli Enti a segnalare l’eventuale furto di documenti storici riconducibili a quelli sopra indicati.






Questo è un articolo pubblicato il 22-11-2011 alle 10:13 sul giornale del 23 novembre 2011 - 441 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, furto, vivere pesaro, maxi sequestro, roberta baldini, cronaca pesaro, guardia di finanza di pesaro, fiamme gialle pesaro, materiale storico, archeologico, perizia, materiale archeologico, documenti storici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rXX





logoEV