Acqualagna: muore a 22 enne per una dose di cocaina e eroina, identificato il pusher

carabinieri di acqualagna 1' di lettura 10/10/2012 - Un tunisino di 22 anni, già arrestato per spaccio di stupefacenti e per violazioni della normativa sull’immigrazione clandestina, domiciliato a Perugia, è stato ora identificato dai Carabinieri della Stazione di Acqualagna e del Nucleo Operativo della Compagnia quale pusher che lo scorso 14 settembre avrebbe ceduto la dose fatale di stupefacenti a un 22enne di Acqualagna.

Emanuele Smacchia, 22enne di Pole di Acqualagna, era stato trovato cadavere di prima mattina, nella cucina di casa sua, dalla madre, a terra, in posizione supina, mentre teneva in mano una siringa con le tracce dello stupefacente letale, risultato poi cocaina mista ad eroina.

Dalla ricostruzione dei militari sarebbe emerso che la sera precedente il giovane, dopo il solito giro con gli amici nei locali di Acqualagna, verso le 23 si era recato a Perugia dove aveva incontrato il tunisino. Pertanto il pusher 22enne dovrà ora rispondere dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo eroina e di morte come conseguenza di altro delitto.






Questo è un articolo pubblicato il 10-10-2012 alle 19:18 sul giornale del 11 ottobre 2012 - 794 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, acqualagna, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/EMB