Urbania: tutto pronto per la 13ma edizione del convegno internazionale 'Teatri delle diversità'

teatro delle diversità 3' di lettura 18/11/2012 - L’annuale appuntamento della rivista “Catarsi-Teatri delle diversità”, fondata da Emilio Pozzi e Vito Minoia, si rinnova ad Urbania il 24 e 25 novembre e continua a rivolgersi a studenti, docenti, registi, poeti, musicisti, attori, agli operatori che lavorano nel sociale e a tutte le persone interessate.

La tredicesima iniziativa, a cura del Teatro Aenigma - Centro Internazionale di Produzione e Ricerca all’ Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, con il Patrocinio dell’Ateneo Feltresco, promuove eventi artistici e riflessioni approfondite su diversi aspetti del Teatro di Interazione Sociale.

A Urbania si incontreranno assidui collaboratori e nuovi esperti apportando il loro contributo di informazione e riflessione su esperimenti nel campo, di livello nazionale ed internazionale. L’apertura ufficiale dei lavori, sabato 24 novembre alle 16.30 è affidata a Giuliano Scabia (poeta, drammaturgo, già docente per trenta anni all’Università di Bologna), che con il suo testo poetico “Canti del guardar lontano” (Einaudi, 2012), testo vincitore il 10 novembre scorso del Premio Letterario Metauro, entrerà in dialogo con l’indimenticabile Roberto Roversi (fondatore con Francesco Leonetti e Pier Paolo Pasolini nel 1955 della rivista Officina) scomparso a Bologna il 14 settembre scorso.

Seguirà una tavola rotonda dedicata alla significativa esperienza di “Destini Incrociati”, prima rassegna nazionale di teatro in carcere, tenutasi a Firenze, Prato, Lastra a Signa dal 20 al 23 giugno scorsi. Interverrà Gianfranco Pedullà, regista del Teatro Popolare d’Arte di Firenze, tra i fondatori del Coordinamento nazionale teatro in carcere (organismo nato durante l’undicesima edizione del convegno, che conta oggi sull’adesione di 35 compagnie da 12 Regioni differenti).

Introduce il dibattito Valeria Ottolenghi della Associazione nazionale dei critici di teatro. Alle ore 21 al Teatro Bramante l’attrice e regista olandese Annet Henneman, “Premio Catarsi-Teatri delle diversità 2012” presenterà lo spettacolo مر هاو “mur halu” (amaro dolce) dedicato da Teatro di Nascosto/Hidden Theatre ad una giornalista irachena, vittima di minacce di morte. Segue il mattino seguente, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne una tavola rotonda sul tema “Teatro e Diritti umani” coordinata dal sociologo Peter Kammerer, con interventi della stessa Henneman e di Alì Kareem Odaid (attore, autore, regista iracheno) e Arabella Lawson (attrice britannica).

La giornata di domenica 25 novembre sarà inoltre dedicata alle riflessioni su alcuni aspetti specifici del Teatro Sociale, attraverso la condivisione di significative iniziative nazionali e la presentazione al pubblico alle ore 18, sempre nella cornice del Teatro Bramante, di uno spettacolo poeticamente emblematico della Compagnia Néon Teatro di Catania diretta da Piero Ristagno e Monica Felloni, che ci riportano all’attenzione un pensiero particolarmente significativo: “La persona diversamente abile è portatrice di un valore umano, che nel Teatro diventa valore artistico e risorsa sociale…”.

Interverranno nel corso della giornata presso la Sala Paolo Volponi, sede del Convegno, Lorenzo Scarpellini, Manuela Veronelli, Angelo Zaccone Teodosi dell’ l’Istituto Italiano per l’Industria Culturale ideatori del progetto “Lo spettacolo antidoto contro il disagio”, Loredana Perissinotto, presidente dell’Associazione Agita, Alessandra Rossi Ghiglione, promotrice del Master di teatro Sociale e di Comunità all’Università di Torino, il regista Alessandro Garzella. Altro momento caratterizzante, la presentazione (per la prima volta al pubblico) del volume “Il pubblico del teatro sociale” (appena edito da Franco Angeli), a cura di Ivana Conte.

Con la curatrice interverranno i registi Piero Cherici, Alessandro Pecini, Massimo Ranieri, il arteterapeuta Carlo Coppelli, l’attore Giuseppe Calcagno, autori di testi inseriti nel volume. I lavori del convegno sono stati ideati e curati da Vito Minoia dell’Università di Urbino, direttore de “I Teatri delle Diversità”.

Per informazioni sulle modalità di iscrizione al Convegno www.teatroaenigma.it e.mail aenigma@uniurb.it tel./fax 0721 893035.

I biglietti per gli spettacoli “Mur halu” e “L’Incanto” saranno in vendita presso la Sala Volponi (orario Convegno) e al botteghino del Teatro Bramante da un’ora prima della rappresentazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-11-2012 alle 18:03 sul giornale del 19 novembre 2012 - 805 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbania, Teatro Aenigma, teatro delle diversità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/GaU





logoEV
logoEV