Sant'Angelo in Vado: tavolette di hashish nascoste tra i crossant nel forno, arrestato un operaio

1' di lettura 31/03/2013 - Via vai continuo in un appartamento di Sant’Angelo in Vado, soprattutto in orari serali-notturni insospettiscono i carabinieri. Dopo settimane di osservazioni, pedinamenti e controlli i carabinieri di Urbino in collaborazione con il personale della stazione di Sant’Angelo in Vado stroncano il ‘supermercato della droga’.

Al termine delle attività e delle indagini i militari hanno deciso di ‘visitare’ il piccolo supermercato della droga. All’interno dell’appartamento, situato in un’area isolata di Sant’Angelo in Vado, i militari hanno trovato un bilancino elettronico di precisione e dentro al forno, insieme ai croissant, erano nascoste due tavolette di hashish del peso complessivo di 186 grammi, riportanti al centro il marchio “357 Magnum”.

Il tutto è stato sequestrato e il 34enne, operaio vadese incensurato, è stato tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio e accompagnato nella camera di sicurezza della Compagnia Ducale in attesa del rito direttissimo. Sabato mattina il Gip del Tribunale di Urbino, dove l’imputato ha patteggiato la pena, ha condannato il 34enne a 2 anni e 2 mesi, pena sospesa, e al pagamento di 2 mila euro di multa.






Questo è un articolo pubblicato il 31-03-2013 alle 00:39 sul giornale del 02 aprile 2013 - 850 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, carabinieri, sant'angelo in vado, arresto, hashish, Sudani Alice Scarpini, spaccio di droga

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/Lf4





logoEV
logoEV