Artigianato artistico, convegno ad Urbino

3' di lettura 17/04/2013 - Artigianato artistico, storia e leggenda, valorizzazione e tutela di un patrimonio tutto marchigiano, quello legato alla tessitura. Questi gli argomenti alla base del convegno che si è tenuto mercoledì (17 aprile) al Collegio Raffaello di Urbino.

Più di cinquecento gli studenti presenti. Primi fra tutti quelli urbinati, della Scuola del Libro e dell'Istituto Comprensivo Volponi, ma anche provenienti da Ascoli Piceno, come l'Istituto Licini e l'IPSIA di San Benedetto del Tronto.

A coordinare il Convegno la Vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche, Paola Giorgi, che nel suo intervento ha sottolineato l'intento che ha portato l'Assemblea legislativa ad: ”approfondire questa tradizione millenaria per offrire, alle giovani generazioni, nuove idee imprenditoriali. La tessitura è stata una attività sempre attiva nelle Marche – ha detto - una forma d'arte che ha portato la nostra regione in tutto il mondo. La Regione Marche da sempre investe nelle eccellenze regionali e nelle politiche di internazionalizzazione. Strumenti fondamentali per affrontare un momento di grave crisi economica come quello che stiamo vivendo. L'augurio e che voi giovani possiate, dalla conoscenza delle vostre radici e delle eccellenze marchigiane, guardare con maggiore ottimismo al vostro futuro e mettere in campo una nuova progettualità imprenditoriale.”

Il Convegno è stato patrocinato dal Consiglio regionale, dal Ministero dell'Istruzione e dalla Fondazione Tessile Italiana e rientra nel progetto più ampio che ha visto anche la realizzazione di una mostra itinerante e il coinvolgimento, attraverso l'Ufficio Scolastico delle Marche, delle scuole di tutta la regione.

L'Assessore alle Politiche Educative del Comune di Urbino, Gian Luca Marcucci, portando i saluti della città ha evidenziato l'importanza dell'iniziativa per il messaggio che con essa viene offerto ai giovani: “Valorizzare la storia delle eccellenze marchigiane – ha detto – invita voi giovani a scoprire nuove strategie e obiettivi di lavoro, forti proprio di un artigianato tessile che ha nelle Marche, ha origini antichissime.”

Della sua esperienza artistica ha parlato poi Paolo Buroni, Visual Designer e Presidente della Stark, proiettando una serie di allestimenti realizzati nei luoghi più famosi del mondo con una creatività sicuramente non comune. Creatività che è stata ripresa dal Prof. Paolo Papetti, Direttore della Pinacoteca civica di Ascoli Piceno che ha letteralmente affascinato i presenti parlando dei tessuti, dei colori e dei ricami ripresi nelle opere d'arte. Opere che in passato erano l'unico veicolo per far conoscere i potenti, le dame e i santi al popolo. “Rispetto al passato abbiamo perso purtroppo memoria – ha detto Papetti – che invece deve essere recuperata. Ecco l'importanza di iniziative come questa che attraverso la conoscenza possano creare idee nuove in sintonia con le tradizioni.”

Piero Guidi, che non è potuto intervenire per un improvviso impegno, ha inviato un messaggio di grande poesia nel quale ha sottolineato ai giovani presenti i valori della storia e della creatività, dono più bello che l'uomo possa avere. La Marche hanno avuto la fortuna di avere dei grandi creativi che hanno contribuito a rendere più bello il mondo. “Credete nella vostra intelligenza – ha detto Guidi - per essere artefici di nuovi progetti e nuove idee.”

A chiudere l'evento Clelia Traini, Presidente della Fondazione Tessile Italiana e ideatrice del progetto che ha voluto ringraziare soprattutto i giovani che hanno collaborato alla realizzazione delle mostra itinerante. “Voi ragazzi avete tutto il mondo nelle vostre mani – ha detto – mettete a frutto le vostre idee, non abbiate mai paura di esprimervi e di proporre la vostra creatività.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2013 alle 19:43 sul giornale del 18 aprile 2013 - 787 letture

In questo articolo si parla di marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/LVU