Azioni anticrisi, stanziati 120mila euro per le agevolazioni tariffarie sulle bollette di acqua e rifiuti

Matteo Ricci 2' di lettura 14/10/2013 - A partire da martedì 15 ottobre, "gli uffici dei Centri per l’impiego della Provincia potranno accettare le nuove richieste di agevolazioni su rifiuti e acqua, che si andranno ad affiancare alle azioni su microcredito e trasporto scolastico già in vigore. Ringraziamo Marche Multiservizi e Aset che, per i cittadini dei comuni da loro serviti, hanno messo a disposizione i fondi".

Lo comunica il presidente Matteo Ricci. "Proseguono dunque le misure concertate insieme a sindacati e Comuni, che hanno interessato in 4 anni più di 3mila famiglie". Nel dettaglio rimangono ferme le casistiche dei beneficiari. La novità è che per acqua e rifiuti il finanziamento è di natura diretta: arriva dall’ente erogatore, con una gestione in house fino alla concomitanza della somma stanziata (100mila euro da Marche Multiservizi, 20mila euro da Aset, ndr).

Destinatari: disoccupati dopo licenziamento per giustificato motivo o dimissione per giusta causa; disoccupati dopo scadenza di contratto a termine (compreso apprendistato, collaborazione a progetto e somministrazione); collocati in cassa integrazione guadagni ordinaria e/o straordinaria, o sospesi dal lavoro per almeno 160 ore effettuate al momento della domanda; interessati da riduzione forzata dell’orario di lavoro in misura pari o maggiore del 30 per cento.

Limiti reddituali: Isee attualizzato pari e inferiore a 15mila euro. Contributo economico: 300 euro con Isee pari o inferiore a 10mila euro; 200 euro con Isee compreso tra 10mila e 15mila euro.

Regole: il bonus massimo autorizzabile per ogni richiedente è di 300 euro. E’ facoltà dell’utente decidere la ripartizione della somma fra utenze di acqua e rifiuti. L’agevolazione sui trasporti, invece, è da intendersi a parte. E quindi si può richiedere in aggiunta. Il bonus massimo non può essere autorizzato più di una volta nei 12 mesi successivi alla data dell’ultima richiesta, anche in relazione alle precedenti edizioni. Le azioni vanno a integrare quelle del fondo anticrisi per microcredito e agevolazione sul trasporto scolastico, costituito dai contributi di Provincia, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, Marche Multiservizi e Aset.

Le informazioni sui documenti da presentare al momento della domanda possono essere richieste agli uffici del Centro per l’Impiego della Provincia. Info: Centro per l’Impiego di Pesaro, tel. 07213592800; Centro per l’Impiego di Fano, tel. 0721818470; Centro per l’Impiego di Urbino, tel. 0722373180; Pil Cagli, tel. 0721787278; Pil Fossombrone, tel. 0721714633; Pil Macerata Feltria, tel. 072274150; Pil Morciola, tel. 0721495824; Pil Pergola, tel. 0721778285; Pil Urbania 072231945.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2013 alle 10:33 sul giornale del 15 ottobre 2013 - 739 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, matteo ricci, provincia di pesaro e urbino, provincia pesaro urbino, fondo antiscrisi pesaro