Aggrediscono un 24enne senegalese, denunciati due giovani

bottiglia 1' di lettura 14/06/2014 - Lesioni aggravate in concorso. Con questa accusa il personale del Commissariato di P.S. di Urbino, impegnato in un servizio di vigilanza in occasione della cosiddetta “notte del giovedì”, ha denunciato in stato di libertà un 23enne di Cantiano ed un 19enne di Sant’Angelo in Vado.

Infatti attorno alle 4:45 di venerdì i poliziotti, in transito lungo via San Filippo, hanno notato due giovani che si stavano strattonando. Nell'occasione inoltre notavano che uno dei due, identificato poi come un senegalese di 24 anni residente a Saltara, sanguinava a causa di una ferita in testa.

Intervenuti per riportare la calma, i poliziotti hanno appurato che poco prima, nel corso di una discussione per futili motivi scoppiata tra un gruppetto di 4/5 ragazzi italiani ed il 24enne, quest’ultimo era stato improvvisamente colpito alla testa con una bottigliata e con un pugno al volto.

All'arrivo degli agenti il gruppetto si è dileguato lasciando sul posto il senegalese ferito ed un 23enne di Cantiano, trattenuto dalla vittima dell'aggressione.

Sulla base delle dichiarazioni rese dall’aggredito, i poliziotti hanno appurato che il 23enne trattenuto dal senegalese era colui che aveva sferrato il pugno e che il 19enne di Sant’Angelo in Vado, rintracciato poco dopo in centro, era colui che aveva sferrato il colpo di bottiglia.

Pertanto i due aggressori sono stati denunciati in stato di libertà ed il senegalese è stato accompagnato al Pronto Soccorso per le cure del caso. I medici lo hanno giudicato guaribile in alcuni giorni.






Questo è un articolo pubblicato il 14-06-2014 alle 19:10 sul giornale del 16 giugno 2014 - 785 letture

In questo articolo si parla di cronaca, urbino, saltara, aggressione, Sudani Alice Scarpini, cantiano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/5Rw





logoEV
logoEV