Gradara: convegno 'Il Medioevo fra noi. Un itinerario fra storia e immaginario' dell'Università di Urbino

medioevo 2' di lettura 27/06/2014 - A Gradara si respira un’aria di dame e cavalieri, tanto che nei cartelli stradali all’ingresso del paese si legge “Gradara. Capitale del Medioevo”. In questa suggestiva cornice, il pomeriggio del 5 luglio si terrà il convegno “Il Medioevo fra noi. Un itinerario fra storia e immaginario”, organizzato dall’Università di Urbino e dalla Soprintendenza per i beni storici artistici delle Marche, con la collaborazione dell’Istituto storico italiano per il medio evo e del comune di Gradara.

L’incontro ha un taglio particolare: non è dedicato al medioevo come periodo storico, bensì ai tanti modi in cui noi, uomini di oggi, immaginiamo quel tempo lontano. A volte considerandolo come l’epoca orribile della peste e dei roghi di streghe, altre volte perdendoci romanticamente tra fate, menestrelli e cavalieri. Infatti l’idea comune di medioevo – detta anche neomedioevo e soprattutto medievalismo – è un contenitore di dimensioni talmente ampie che ciascuno di noi se lo ritrova davanti ogni giorno. Forse non esiste un’altra epoca storica la quale fornisca al mondo contemporaneo altrettanto materiale per nutrire il proprio immaginario.

Dunque si parlerà senz’altro di storia, ma della storia dei nostri sogni. E per farlo non si poteva scegliere luogo più adatto della rocca di Gradara, che è sì un monumento medievale, ma che fu largamente ricostruita e reinventata un centinaio di anni fa. Alle 15 il benvenuto di M. Rosaria Valazzi, soprintendente BSAE delle Marche, poi la parola a Tommaso di Carpegna Falconieri dell’Università di Urbino Carlo Bo, che è l’organizzatore del convegno, Francesca Roversi Monaco (Alma mater studiorum – Università di Bologna) e Umberto Longo (Sapienza – Università di Roma), i quali parleranno dei modi e delle ragioni per cui, tra Otto e Novecento, il medioevo è diventato il contenitore ideale delle nostre fantasie. Seguirà l’intervento di M. Rosaria Valazzi dedicato proprio alla storia e al mito di Paolo e Francesca. Dopo gli studiosi, sarà la volta degli autori: Gabriele Sorrentino (Ravenna) e Fabio Scalini (Rimini) parleranno dei loro romanzi di ambientazione medievale.

Seguiranno la presentazione del numero di giugno 2014 della rivista “Medioevo Dossier”, che ha una sezione dedicata a Gradara, e infine la proiezione del cortometraggio fantasy “Mordraud”, interamente girato fra la Romagna, il Montefeltro e San Marino. L’incontro tra affermati studiosi e giovani autori e la combinazione tra storia e fantasia sono senza dubbio le cifre distintive di questo incontro nel segno e nel sogno del medioevo.

Data e sede
5 luglio 2014, h. 15,00-19,30, Rocca Demaniale di Gradara - Piazza Alberta Porta Natale 1 -61012 Gradara (Pesaro Urbino)
tel. +39 0541 964181
Per ulteriori informazioni : tommasodicarpegna@hotmail.com


   

da Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"
www.uniurb.it







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-06-2014 alle 20:35 sul giornale del 28 giugno 2014 - 753 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, medioevo, Università degli studi di Urbino Carlo Bo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/6we





logoEV
logoEV