Marche Nord, fine dell'ospedale-azienda? Movimento RadicalSocialista: 'Magari!'

ospedale san salvatore 1' di lettura 25/09/2014 - "Se si blocca tutto a Fosso Sejore, l’azienda Marche Nord rischia di essere cancellata e gli ospedali di Pesaro e Fano tornerebbero ad essere ospedali di rete". Magari!

Quello che per Spacca e Mezzolani è una minaccia terrificante, per noi è invece una grande speranza. Gli ospedali non devono essere aziende e la salute non ha nulla a che fare col profitto! E naturalmente il sito di Fosso Sejore deve continuare ad essere ecologicamente tutelato e c’entra con la costruzione di un ospedale come i cavoli a merenda (non solo per ragioni ambientali ma anche di viabilità).

Però “quelli” non mollano, contro ogni evidenza, senso comune e parere dei cittadini: "Marche Nord rischia di morire", piange addolorato il pesarese Silvano Ciancamerla (PD), che continua: "Io credo, anche per rispetto dei consigli comunali di Pesaro e Fano (?) e della Provincia che l’avevano approvato, che vada rilanciato Fosso Sejore non concedendo alibi a quanti vogliono sabotare il progetto. L’amministrazione Ceriscioli ha aperto la strada, Ricci si prenda l’onere di chiudere il percorso".

Noi “sabotatori” del folle progetto speculativo chiediamo invece ai sindaci di Pesaro e Fano, che Spacca vuole incontrare sabato per ribadirgli “face to face” l’ossessivo mantra del PD marchigiano, di rifiutare il ricatto regionale e dire NO allo scempio economico e ambientale dell’ospedale unico, e SI’ alla difesa e al potenziamento dei nosocomi esistenti, compresi quelli minori dell’entroterra.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2014 alle 09:23 sul giornale del 26 settembre 2014 - 598 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Movimento Radicalsocialista, ospedale san salvatore, ospedale unico pesaro-fano, marche nord





logoEV
logoEV