Abusa della sua qualifica per ottenere vantaggi economici, impiegato dell'Agenzia delle Entrate sottoposto a misura cautelare

Guardia di finanza generico 1' di lettura 10/03/2015 - Le Fiamme Gialle di Urbino dirette dal capitano Antonio Dima, in collaborazione con i carabinieri di Acqualagna, hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di un impiegato dell’Agenzia delle Entrate .

Le indagini, avviate la scorsa estate, hanno infatti permesso ai militari di scoprire che l’impiegato aveva abusato della sua qualifica e delle sue funzioni per ottenere vantaggi economici. In particolare, in un’occasione, aveva tentato di ostacolare un controllo fiscale da parte della pattuglia della Guardia di Finanza nei confronti di un ristoratore, asserendo di aver eseguito lui, poco prima, un controllo con esito regolare.

E, quando gli uomini delle Fiamme Gialle avevano appurato che quanto asserito non corrispondeva al vero, l’impiegato aveva iniziato a minacciare i militari della Guardia di Finanza.

Pertanto il Gip del Tribunale di Urbino Egidio de Leone nei confronti dell’impiegato ha emesso la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza, con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione nelle ore notturne.






Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2015 alle 23:48 sul giornale del 11 marzo 2015 - 730 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/agzi





logoEV
logoEV