"Visioni di guerra" a Urbino per il centenario della Prima Guerra Mondiale

prima guerra mondiale 2' di lettura 05/05/2015 - Due incontri di formazione per docenti, ma aperti al pubblico, in occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, a partire dalla pubblicazione di due recenti volumi e dai risultati dei laboratori di storia con gli studenti.

"Il 23 maggio 1915 il Duca D'Avarna, ambasciatore d'Italia a Vienna, presenta al ministro degli esteri austroungarico la dichiarazione di guerra operativa dal giorno successivo, quando il primo proclama del re Vittorio Emanuele alle truppe combattenti recitava: “A voi la gloria di piantare il tricolore d'Italia sui termini sacri che la natura pose ai confini della Patria nostra. A voi la gloria di compiere, finalmente, l'opera con tanto eroismo iniziata dai nostri padri”.

Cent’anni dopo leggiamo nella guerra l’agonia del vecchio mondo e l’irrompere del nuovo, quando lo specchio della civiltà occidentale va in frantumi e entra in scena la modernità con la sua ambivalenza.

È su questo spartiacque decisivo della storia contemporanea, sugli “spostamenti” fisici e mentali che la guerra crea nelle donne e negli uomini che l’hanno vissuta e subita, che storici, filosofi e sociologi discutono in due incontri a Urbino, nella sala Serpieri del palazzo del Collegio Raffaello a partire dalla recente pubblicazione di due volumi che raccolgono le recenti ricerche di studiosi italiani e stranieri.

Nel primo, giovedì 7 maggio alle ore 18, vengono ricostruite le Trame disperse della guerra, con le esperienze di viaggio, conoscenza e combattimento, con Marco Severini (Università di Macerata) curatore del volume Trame disperse. Esperienze di viaggio, conoscenza e combattimento nel mondo della Grande guerra, Marsilio 2015, Lidia Pupilli (Università di Macerata) e Domenico Sivilli (Università di Urbino).

Nel secondo, giovedì 21 maggio alle ore 18, sono le Visioni di guerra, degli storici, dei filosofi, dei fanti, dei cineasti, delle donne, dei cattolici a essere ricostruite, con Ilaria Biagioli (Università di Urbino; iscop), Marco Severini (Università di Macerata) curatori del volume Visioni della Grande guerra, Marsilio 2015, Andrea Laquidara (Università di Urbino) e Silvia Serini (Associazione di Storia contemporanea).

Le conversazioni sono valide per la formazione in servizio del personale scolastico. Al termine degli incontri viene rilasciato un attestato di partecipazione.


   

da ISCOP
Istituto di Storia Contemporanea di Pesaro e Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2015 alle 20:04 sul giornale del 06 maggio 2015 - 1019 letture

In questo articolo si parla di cultura, prima guerra mondiale, Iscop, pesaro e urbino, storia contemporanea

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aiZP





logoEV
logoEV