Omicidio Ismaele: Ritrovata l’arma del delitto e il cellulare

Delitto Lulli: ritrovata l’arma del delitto ed il cellulare 1' di lettura 25/07/2015 - I Carabinieri del Comando Provinciale di Pesaro e Urbino, al termine di una battuta iniziata alle 4 della mattina di sabato 25 luglio ed effettuata in collaborazione con personale del Nucleo Cinofili Carabinieri di Pesaro e la partecipazione di volontari con apparecchi metal-detector, hanno rinvenuto l’arma del delitto (un coltello a serramanico con una lama di 15 cm) ed il telefonino della vittima.

Il ritrovamento degli oggetti è avvenuto dopo molte ore di accurate ricerche, durante le quali sono stati minuziosamente esaminati i luoghi indicati dai due accusati presenti, su decreto d’ispezione del Pubblico Ministero dott.ssa Lilliu ed unitamente a personale della Polizia Penitenziaria, alle attività di ricerca. In particolare, il coltello è stato rinvenuto presso un viadotto stradale nel territorio del comune di Sestino (AR), mentre il telefono cellulare di Ismaele è stato trovato sulla sponda del fiume Auro nel comune di Borgo Pace (PU), nei pressi del luogo denominato “La Gorga dei Morti”, ove i due presunti assassini erano andati a fare il bagno dopo il delitto.

Il materiale è stato repertato e, quanto prima, sarà inviato al Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche dell’Arma di Roma per gli esami del caso.








Questo è un articolo pubblicato il 25-07-2015 alle 17:23 sul giornale del 27 luglio 2015 - 684 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sant'angelo in vado, articolo, antonio mancino, ismaele lulli, omicidio ismaele lulli, arma del delitto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/amrW





logoEV
logoEV